Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il passaggio temporalesco della prossima settimana: analisi comparata tra modelli

Superato il primo strappo all'alta pressione atteso nella giornata di venerdì 4, la seconda settimana di luglio riserverà ulteriori sorprese negative, soprattutto per gli abitanti delle regioni settentrionali e su parte dei settori centrali italiani. Una nuova figura di bassa pressione tenterà infatti di coinvolgere con le proprie spire parte del suolo italiano ma non tutti i modelli sono d'accordo con questa evoluzione.

In primo piano - 2 Luglio 2014, ore 11.30

Non si fa neanche a tempo ad inquadrare perfettamente la dinamica instabile di venerdì 4 luglio, che una nuova offensiva all'estate italiana si profila già all'orizzonte della prossima settimana. L'aria fredda legata ad una vasta ansa depressionaria collocata sui settori europei nord-occidentali tenderà infatti ad inviare una nuova saccatura rivolta ancora una volta ai settori centro-settentrionali italiani. L'ingresso sul nostro Paese avverrebbe nel corso di martedì 8 luglio, dopo una lunga (ma calda) fase prefrontale che ci accompagnerà nel fine settimana.

Le manifestazioni temporalesche inizierebbero a coinvolgere proprio martedì
8 i settori nord-occidentali, per poi estendersi tra mercoledì 9 e giovedì 10 anche i settori di nord-est ed una parte delle aree centrali del Paese. L'introduzione d'aria più fresca alle varie quote atmosferiche determinerebbe un ritocco verso il basso delle temperature, interrompendo la fase di calura che per alcuni giorni influenzerà lo stato del tempo soprattutto delle regioni centrali e meridionali.

Non tutti i modelli tuttavia sono d'accordo con questa evoluzione. Procediamo ora con una analisi comparata tra modello inglese e modello americano, dando attenzione anche alla previsione del modello canadese che prevede una linea di tendenza a se stante.

Modello americano GFS: la previsione del centro di calcolo d'oltreoceano mette in evidenza un lento avanzamento verso est della saccatura atlantica. I primi temporali si verificherebbero già lunedì 7 luglio nell'angolo nord-occidentale per poi estendersi anche al nord-est e su parte dei settori centrali tra martedì 8 e mercoledì 9 luglio.

Modello inglese ECMWF: il centro di calcolo inglese conferma quanto previsto dal modello americano, in questa sede tuttavia la depressione tenderebbe a sprofondare leggermente verso i settori centrali del Mediterraneo, avviando una fase più decisa di instabilità dapprima su tutto il nord (Liguria compresa) poi anche sul centro Italia e sulla Sardegna.

Modello canadese GEM: la previsione del centro di calcolo canadese si discosta dalle prime due, prevedendo un affondo ciclonico posticipato a giovedì 10 luglio. L'affondo inoltre sarebbe decisamente più orientale rispetto alle prime due previsioni, in tal modo i settori tirrenici e nord-occidentali italiani sarebbero più protetti dalle conseguenze instabili portate dall'aria fresca in quota. Temporali e rovesci guadagnerebbero invece i settori adriatici e nord-orientali, spingendosi sino alle regioni di mezzogiorno.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 06.55: A8 Milano-Varese

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo Di Castellanza (Km. 17,..…

h 06.53: SS42 Del Tonale E Della Mendola

problema sdrucciolevole

Fondo stradale scivoloso a 67 m prima di Incrocio Vione (Km. 130) in direzione Incrocio Bolzano -..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum