Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il nuovo anno si fa subito notare: lunedì la NEVE al nord, martedì la PIOGGIA lungo il Tirreno

Due perturbazioni in serie interesseranno gran parte del nostro Paese. Da segnalare le nevicate di lunedì 4 al settentrione e le piogge di martedì 5 sulle regioni centro-meridionali tirreniche.

In primo piano - 1 Gennaio 2010, ore 09.53

Anno nuovo, vita nuova ma tempo vecchio. La situazione depressionaria che abbraccia gran parte del continente europeo rimane bloccata sui suoi binari, svirgolando di poco rispetto allo standard impostato nel corso del mese di dicembre. Il pozzo senza fondo dove vanno a finire gli assi di saccatura lanciati da vortice polare si trova sul vicino Atlantico e l'Italia si viene a trovare lungo lo steccato che separa le correnti fredde nord-orientali di estrazione continentale, destinate principalmente al settentrione, e quelle miti di provenienza mediterranea, destinate al sud. Nel mezzo si scavano minimi di pressione che poi attraversano la Penisola all'altezza delle nostre regioni centrali portandosi dietro tutto il loro ventaglio nuvoloso e piovoso ad abbracciare i nostri primi giorni dell'anno. Archiviata la perturbazione che oggi, giorno di Capodanno, si sta occupando del centro-sud e di parte del settentrione, seguirà un breve intervallo, giusto per raffreddare l'aria, poi sotto con un'altra perturbazione, anzi con due perturbazioni in serie. Il raffreddamento porterà un breve sprazzo di inverno sulle regioni adriatiche, dove sabato si avrà occasione per vedere qualche fiocco a quote basse, specie nel tratto marchigiano. La prima delle due nuove perturbazioni giungerà domenica al nord, ma sarà lunedì che darà i suoi massimi effetti, con nevicate diffuse anche sulla pianura Padana e con temporanei sconfinamenti in mattinata anche sulle coste liguri tra Genova e Savona, nonchè su quelle veneto-friulane. Questo prima che subentri lo Scirocco ad innalzare il limite dei fiocchi a partire dal nord-est. Mentre il primo fronte si allontanerà velocemente verso levante nella serata di lunedì 4, ecco subentrare a ruota il secondo, con traiettoria un po' più meridionale rispetto al precedente. Siamo a martedì 5 e questa volta saranno le nostre regioni centrali nel mirino del maltempo. Lo Scirocco pregresso però avrà fatto alzare le temperature e le quote neve, talchè in questo frangente si parlerà solo di pioggia. Le nevicate si arroccheranno difatti in Appennino oltre i 1000-1200 metri sui settori centrali e i 1400-1600 su quelli meridionali. I rovesci si allungheranno anche al basso versante tirrenico, almeno fino alla Campania, mentre le regioni adriatiche, i versanti jonici e la Sicilia, saranno interessati da tempo asciutto e da diverse schiarite. Variabilità in Sardegna, dove non si escludono temporanei piovaschi seguiti da brevi schiarite in un contesto complessivamente mite seppur a tratti ventoso. Il nord al limite del ventaglio nuvoloso spinto dal ramo occluso della perturbazione potrebbe rimanere per gran parte all'asciutto. La regione alpina potrà addirittura assistere a diverse schiarite, anche ampie. Qui però farà decisamente più freddo e il manto nevoso recentemente caduto contribuirà a mantenere l'atmosfera invernale che contraddistingue la normalità di questo scorcio stagionale.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum