Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il meteorologichese: ecco perchè gli italiani spesso guardano solo i SIMBOLETTI...

Panoramica e ripasso dei principali tipi di precipitazioni e dei termini usati dai meteorologi per indicarle.

In primo piano - 14 Novembre 2008, ore 09.20

L'interpretazione dei termini meteorologici lascia molto a desiderare, si é dunque creata parecchia confusione, persino tra gli addetti ai lavori. Vediamo insieme quali sono alcuni dei termini più usati e quelli che si prestano a diverse interpretazioni. Così gli italiani, un po' a scanso di equivoci ma molto anche per pigrizia, ripiegano sui simboletti delle cartine per capire che tempo farà. Rovescio: forte acquazzone di durata generalmente non superiore a 30 minuti. Se accompagnato dal termine frequente significa che possono verificarsene diversi sulla medesima zona a distanza di poco tempo. Uso: corretto Temporale isolato: fenomeno estremamente localizzato anche lungo un solo pendio o quartiere cittadino Uso: corretto Temporale locale: legato ad un sola provincia, ad una vallata, ad un bacino lacustre. Uso: poco chiaro Temporale occasionale: l'estrema conseguenza di una modesta instabilità. Uso: poco chiaro Piogge diffuse: che interessano molti tratti di territorio ma non necessariamente tutti. Uso: chiaro Piogge estese: che interessano gran parte del territorio. Se accompagnati dal termine persistenti indicano davvero una fase di maltempo importante. Uso: corretto Piogge sporadiche: deboli, brevi e trascurabili precipitazioni Uso: corretto Diamo un'occhiata ai principali tipi di precipitazione: pioggia: gocce d'acqua con diametro superiore a mezzo millimetro. pioviggine: precipitazione uniforme costituita da minutissime gocce d'acqua aventi diametro inferiore a mezzo millimetro. pioggia congelantesi: gocce d'acqua sopraffusa che gelano a contatto col suolo, dopo aver attraversato strati d'aria in quota con valori termici superiori a 0°C. neve: cristalli di ghiaccio, ramificati o stellati, anche riuniti in fiocchi pioggia mista a neve: spesso confusa col nevischio, é la vera precipitazione mista. neve tonda: granuli di ghiaccio bianco opaco, sferici o conici, con diametro di 2-5 mm. nevischio: piccoli granuli bianchi, opachi, di diametro inferiore al mm. Nel gergo popolare pioggia mista a neve. gragnola: granuli di ghiaccio trasparenti o traslucidi, sferici o irregolari di diametro non superiore a 5 mm. grandine: chicchi di ghiaccio di diametro occasionalmente superiori a 5 cm. Altre idrometeore: nebbia: sospensione nell'atmosfera di goccioline d'acqua piccolissime che riducono la visibilità superficiale. Si parla di nebbia quando la visibilità orizzontale é inferiore a 1 Km, in caso contrario di foschia. nebbia ghiacciata: sospensione di numerose particelle di ghiaccio che riducono la visibilità e provocano leggero nevischio. scaccianeve: particelle di neve sollevate da vento forte. rugiada: deposito di gocce d'acqua sugli oggetti per condensazione diretta del vapore acqueo presente nell'aria. brina: deposito di ghiaccio per sublimazione diretta del vapore acqueo. galaverna: ghiaccio composto da aghi sottili che si deposita sugli oggetti esposti in condizioni nebbiose sotto i -5°C. vetrone: deposito di ghiaccio compatto, liscio e trasparente, dovuta a pioggia che gela al suolo.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum