Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il meridione ancora tra le grinfie del maltempo

La rotazione delle correnti a nord che avverrà a sèguito dello spostamento del minimo verso levante farà peggiorare il tempo lungo il versante adriatico e al meridione, dove si prevede un calo della quota neve. Situazione in miglioramento al nord e sul Tirreno.

In primo piano - 24 Gennaio 2013, ore 10.52

La circolazione di bassa pressione nata nella giornata di ieri tra la Corsica e la Costa Azzurra, ha fatto notevoli passi avanti e questa mattina la ritroviamo, seppure più attenuata, in prossimità delle regioni centrali.

Domani, il perno del maltempo si sposterà ulteriormente verso sud-est, centrandosi tra la Sicilia orientale e lo Ionio. Ciò consentirà ad aria fredda di matrice continentale di riversarsi sulle nostre regioni, con effetti più vistosi sulle regioni del medio Adriatico e al sud.

Niente gelo storico, ma la quota neve tenderà ad abbassarsi considerevolmente nelle zone esposte alle correnti settentrionali.

Ecco la situazione attesa sull'Italia per la giornata di venerdì 25 gennaio, attorno all'ora di pranzo.

Al nord il tempo sarà già migliorato, mentre lungo il Tirreno avremo addensamenti, ma in graduale attenuazione e senza precipitazioni associate.

Qualche rovescio, nevoso sopra i 700 metri, si farà vedere sulla Sardegna, mentre il tempo peggiore è atteso su Marche, Abruzzo e sulle regioni meridionali ad eccezione della Campania.

L'impatto delle correnti da nord-est sui contrafforti appenninici orientali farà scendere la quota neve fino a 300-400 metri, ma in caso di rovesci intensi, qualche fiocco potrebbe spingersi anche più in basso.

Ben si notano i rovesci tra la Sardegna, la Sicilia settentrionale, il sud della Calabria, il Golfo di Taranto e il Salento. In questi settori saranno possibili anche temporali, localmente accompagnati da fenomeni grandinigeni.

Attenzione ovviamente ai forti venti dai quadranti settentrionali e dai mari in cattive condizioni. Le temperature sono previste in calo ovunque.

Questa invece è la previsione per sabato 26 gennaio, al mattino.

C'è un miglioramento, ma le regioni del medio Adriatico e parte del meridione avranno ancora fenomeni residui, sottoforma di rovesci all'estremo sud e nevicate a quote collinari altrove, sempre sotto l'egida di forti e freddi venti settentrionali.

Nel pomeriggio, tuttavia, la situazione dovrebbe migliorare un po' ovuque e sarà possibile, entro sera, una generale attenuazione delle precipitazioni e del vento.

La domenica, difatti, si prevede abbastanza soleggiata su buona parte della nostra Penisola.

 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 08.07: Roma Via della Pisana

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra A90 e Via di Brava…

h 08.07: Roma Via Aurelia Antica

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Via del Casale di San Pio V e Vi..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum