Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il maltempo atteso nella giornata di lunedì nel dettaglio

Una perturbazione interesserà fin dalle ore della notte il nostro settentrione, con rovesci diffusi. Possibilità di nubifragi sulla Liguria. A seguire i fenomeni si trasferiranno verso il centro e la Campania, risultando forti su Venezie e settori tirrenici.

In primo piano - 14 Ottobre 2012, ore 09.51

 Arriverà rompendo il silenzio della notte la quarta perturbazione del mese di ottobre. Una perturbazione nata dallo scontro tra una massa d'aria polare marittima in arrivo dal nord Atlantico e quella subtropicale marittima, ma parzialmente continentalizzata, in arrivo dal nord Africa. 

Il tutto inserito in un canale depressionario che vede l'azione concomitante di due centri motore primari, un vortice di bassa pressione sul Labrador e uno tra la regione scandinava e le Isole Britanniche. La perturbazione che giungerà sull'Italia scaverà anch'essa un minimo secondario che prenderà forma sul golfo Ligure e viaggerà poi nella giornata di lunedì verso il medio Adriatico.

Ecco dunque le basi per una situazione di maltempo che interesserà un po' tutte le regioni italiane nel corso dei prossimi due giorni. Focalizzando l'attenzione sulla giornata di lunedì, osserviamo che il peggioramento prenderà forma fin dalla nottata, quando si avranno fenomeni intensi al nord, in particolare sulla Liguria, dove non si esclude la possibilità di nubifragi.

Rovesci intensi transiteranno nella notte anche sulla Lombardia, con cumulate piovose di tutto rispetto in particolare a ridosso dell'area prealpina. In mattinata ritroveremo rovesci e temporali su Emilia, est Lombardia, Veneto, Trentino, Sardegna e Toscana. Su quest'ultima regione non si esclude la possibilità di nubifragi.

Il pomeriggio vedrà condizioni di maltempo diffuso sul Triveneto, Sardegna, bassa Toscana, Umbria, Lazio e Campania. Su queste ultime due regioni non si esclude la possibilità di nubifragi. Frattanto la quota neve lungo le Alpi calerà fino a portare i fiocchi ntorno a 1600-1700 metri.

Prima di sera infine peggiora sulla Sicilia occidentale con possibilità di temporali, mentre al nord-ovest e sulla Sardegna avremo passaggio a variabilità, con rasserenamenti anche ampi in arrivo a partire dalla Valle d'Aosta, sotto la sferza di intensi venti di Maestrale, in sostituzione di Scirocco e Libeccio che seguiteranno a investire le altre regioni.

 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum