Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il guastone tra il 4 e il 5 gennaio: quali le regioni più colpite dal MALTEMPO

Le precipitazioni più intense spetteranno al nord e alle regioni tirreniche sino alla Calabria. Nuove abbondanti nevicate sulle Alpi e, a quote medie, anche lungo l'Appennino.

In primo piano - 31 Dicembre 2013, ore 11.11

 Confermato il guastone del 4-5 gennaio. La pulsazione trarrà origine da un incrocio di masse d'aria in uscita dal Canada, che destabilizzerà l'onda portante costringendola a protendere un asse secondario proprio verso l'Italia. Una volta giunta sui nostri mari, la perturbazione associata a questo processo prenderà vita grazie all'ulteriore forzante imposta dall'arco alpino.

Morale: il 4 gennaio nascerà un profondo minimo di bassa pressione sul mar Ligure, la classica "Genova Low" che poi rotolerà lungo le coste tirreniche finendo per tuffarsi sullo Ionio. Come vedete, una situazione a evoluzione rapida, che riuscirà comunque a proporre fenomeni a tratti anche abbondanti.

Veniamo ai primi dettagli:

PIOGGIA: attesa in modo diffuso su quasi tutto il centro-nord e sulle meridionali tirreniche. I fenomeni più abbondanti su Liguria, Venezie, alta Toscana, Lazio, Campania e Calabria tirrenica, quelli più deboli e intervallati da alcune pause asciutte su Romagna, Marche, Abruzzo e Molise.

NEVE: prevista cadere abbondante su tutto l'arco alpino, dove si accfumuleranno tra i 30 e i 50 centimetri di neve. Gli spessori nevosi più importanti spetteranno alle Dolomiti. Neve a tratti anche sull'Appennino Ligure e Tosco-emiliano, ma soprattutto su tutto l'apparato centrale e meridionale. Attesi fino a 30 centimetri Gran Sasso e Majella, fino a 20 su pollino e Sila.

Le quote oscilleranno inzialmente attorno ai 500 metri al nord-ovest, per poi salire su tutto il nord attorno a 900-1100 metri, quindi ridiscendere fin verso i 600-700 metri a fine evento (sera del 5 gennaio). In Appennino le quote, inizialmente poste attorno a 1600-1800 metri, scenderanno il 5 gennaio fin verso gli 800-1000 metri.

TEMPERATURE: bassine al nord-ovest, tenderanno a salire a metà evento (pomeriggio del 4 gennaio), per poi ridiscendere alla fine dello stesso (sera del 5 gennaio) in montagna. Al centro e al sud il profilo termico, inizialmente mite, vedrà un progressivo raffreddamento, soprattutto nella giornata di domenica 5 gennaio.

Per ora basti questo primo schema, nei prossimi aggiornamenti entreremo ancor più nel dettaglio, non mancate!


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 02.35: SS191 Di Pietraperzia

blocco frana

Tratto chiuso causa frana nel tratto compreso tra Incrocio Barrafranca (Km. 30,8) e Incrocio Mazzar..…

h 02.27: S01 Strada Grande Comunicazione Fi-Pi-Li (per Livorno)

vento-forte

Vento forte nel tratto compreso tra Svincolo Pontedera Est (Km. 50) e Svincolo Per Livorno Centro (..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum