Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il ghiacciaio e le sue insidie

L'esperienza sul ghiacciaio può anche non risultare piacevole...

In primo piano - 4 Marzo 2010, ore 10.50

Più si sale in quota e maggiormente intensa é la radiazione ultravioletta, anche quella diffusa nella nebbia e quella riflessa dalla neve. La congiuntivite da ghiacciaio é il pericolo maggiore. Quando passeggiate sulla neve ad alta quota in una giornata limpida e serena evitate di tenere gli occhi costantemente aperti e di bagnarvi il viso con la neve con l'idea di abbronzarvi di più: rischiereste un'ustione! Circa 10 ore dopo una forte esposizione ai raggi solari può comparire un attacco di congiuntivite con intolleranza alla luce e con la sensazione che l'occhio sia colpito da molti spilli. Utilizzate dunque cappelli con visiera che ombreggiano il viso ma soprattutto usate occhiali da sole di qualità che possano filtrare le radiazioni nocive. Diffidate anche degli occhiali troppo scuri che possono fare aprire maggiormente il diaframma della pupilla, danneggiando l'occhio. Oltre i 4000 metri é necessario usare occhiali con lenti avvolgenti che proteggono l'occhio anche sui lati. La riduzione dello strato di ozono nell'atmosfera, provocherà nel futuro un aumento di raggi ultravioletti in direzione della terra, di conseguenza in montagna aumenterà il pericolo di danneggiamento degli occhi e di ustioni. L'aumento della temperatura sulle Alpi ha creato instabilità nei terreni. Se in estate la quota dello zero termico supera i 4000 - 4500 metri e non vi é raffreddamento notturno, il disgelo produce caduta di ghiacci e massi. L'alpinista deve tenere presente che in ogni stagione gli aumenti improvvisi e veloci della temperatura destabilizzano il manto nevoso. Dobbiamo tener presente che il ghiacciaio è sempre in movimento. Le valanghe di ghiaccio derivano dalla caduta di seracchi e talvolta piccole cadute di ghiaccio precedono quelle più grosse. Durante l'estate, a causa dell'acqua di fusione, il movimento del ghiacciaio aumenta. Dovendo attraversare zone rischiose per caduta di seracchi o valanghe, occorrono molta prudenza ed attenzione: non sostate nelle zone a rischio per molto tempo, osservate i frammenti di ghiaccio caduti precedentemente, non camminate con superficialità sul ghiacciaio chiacchierando con il compagno o puntando l'attenzione sul panorama o su oggetti che possano distrarvi dall'osservare dove mettete i piedi.

Autore : Redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 02.54: A16 Napoli-Canosa

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Allacciamento A1 Milano-Napoli e Candela (Km. 127,9) in entrambe..…

h 02.52: A1 Roma-Napoli

coda incidente

Code per 3 km causa incidente nel tratto compreso tra Colleferro (Km. 592,5) e Anagni - Fiuggi (Km..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum