Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il fienile abbandonato trasformato in chalet? Aree alpine come Disneyland? Pareri contrastanti

L'abbandono in montagna ha portato a realizzare soluzioni alternative di rivalorizzazione del territorio che non tutti condividono.

In primo piano - 20 Ottobre 2006, ore 10.22

Rustici, malghe, stalle, fienili, caseifici: sono tutti disseminati lungo i pendii alpini e sono ormai in larga parte abbandonati, appartengono allo stile di vita di un tempo. La meccanizzazione oggi ha concentrato le attività del contadino nel fondovalle, gli autocarri trasportano il bestiame, poi si torna a valle in stalle nuove e capienti. Lassù tutto è diventato fatiscente. Molti privati hanno rilevato quei rustici e ne hanno fatto degli chalet o baite eleganti, magari sostituendo il tetto di scandole ormai marcite con una copertura in amianto, costruendo un balconcino tirolese sul versante solatio e un giardinetto all'inglese. Qualcuno ci vede un'invasione inopportuna della modernità, una disneyland alpina, altri invece una gradevole trasformazione del paesaggio che valorizza la zona ed attira molti turisti. Ora: da quando siamo nati ci hanno insegnato che ciò che è vecchio è bello, va conservato preziosamente, va compresa come funzionava la vita di un tempo, come si faceva la polenta, etc. Non che tutto ciò non sia giusto, anzi, chi vi scrive è uno dei massimi estimatori del Ballenberg, il museo all'aperto che racconta della vita contadina di un tempo, la loro condizione sociale, ci mostra le loro case, le suppellettili. Quel mondo però ora si è modificato, non possiamo trasformare la montagna in un eterno museo all'aperto. Il tempo è fatto per l'uomo-dice il Vangelo- e non l'uomo per il tempo. Non possiamo certo restare lì in contemplazione senza far nulla. In qualche misura è necessario anche lasciare la nostra impronta e se il privato ha mezzi e fondi, nel rispetto della legge, per ricavare da un fienile fatiscente destinato alla distruzione, una bella baita non vediamo perchè non possa farlo, con l'impegno però di risistemarla così com'era, con il suo legno. Il cittadino è visto troppo spesso come un nemico e un deturpatore della montagna e questo non è sempre vero. Chi ha avuto la fortuna di nascere sulle Alpi non deve pensare di esserne il padrone. Basterà adottare norme di buon senso, ma non c'è niente di male nel dare un tocco di colore ed una ristrutturata alle baite cadenti, più grave sarebbe farci una villetta in stile campagnolo o marino (!!). Chi ama la montagna veramente però queste cose non le farebbe mai e dunque la discussione è se stravolgere uno stile di costruzioni con un'impronta tirolese costituisca un reato. Secondo chi vi scrive assolutamente no, fa parte dell'evoluzione della storia dell'uomo. Nemmeno il contadino oggi vivrebbe nella vecchia malga senza le comodità di cui ha beneficiato negli ultimi anni. Il tempo non si può fermare... Tu che ne pensi? Esprimi un'opinione

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 14.32: A14 Bologna-Ancona

incidente rallentamento

Traffico rallentato causa incidente nel tratto compreso tra Castel S.Pietro (Km. 38,2) e Bologna Sa..…

h 14.32: Roma Via Cristoforo Colombo

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Viale Oceania e Viale dell'Ocean..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum