Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il disgelo gioca d'anticipo in Groenlandia!

Secondo uno studio condotto dagli scienziati dell'università di Aarhus in Danimarca, la primavera artica negli ultimi anni sboccia in anticipo di due settimane rispetto alla media dell'ultimo secolo.

In primo piano - 19 Giugno 2007, ore 11.19

La neve e il ghiaccio si fondono, sotto il tepore di un caldo sole primaverile. Dopo il lungo torpore invernale immersa nell'oscurità e nel gelo, la natura si risveglia. Fiori piante conquistano velocemente le lande ghiacciate e gli animali, primi tra tutti gli insetti e i fiori, ripopolano l'ambiente artico dopo la grigia stasi invernale; insomma il grande nord torna a vivere la stagione del disgelo. Secondo uno studio condotto da un'equipe di scienziati danesi dell'Università di Aarhus, apparso sull'ultimo numero di "Nature", l'inizio della fase di disgelo, o per meglio dire della primavera meteorologica risulta anticipato di circa 15 giorni rispetto alla media dell'ultimo secolo specialmente sulle regioni costiere groenlandesi dove si nota una ripresa vegetativa anticipata e un considerevole aumento di specie animali specialmente uccelli migratori, insetti e naturalmente tutto il mondo vegetale. L'anticipo del disgelo è un fenomeno che coinvolge gran parte delle regioni polari, spiega lo scienziato danese Michael Hopkin, con un anticipo di circa una settimana rispetto alla media, ma in Groenlandia il valore appare raddoppiato, con oltre due settimane di anticipo. Le temperature medie del mese di giugno, continua lo scienziato, sono aumentate di circa 1,1°C sul sud della Groenlandia, rispetto alla media polare, con un considerevole aumento delle precipitazioni sui settori interni che si attesta al 25%. Le perturbazioni più intense ed organizzate che raggiungono il Continente, producono precipitazioni nevose anche nei mesi estivi, bilanciando lo scioglimento dei ghiacci anticipato che interessa prevalentemente la fascia costiera e il sud del Paese. Fondamentalmente l'ecosistema groenlandese quindi, pur "soffrendo" dell'aumento delle temperature, potrebbe evolversi, adattandosi alle nuove regole e magari approfittando di un periodo estivo più lungo, ospitare una più ampia varietà di forme di vita animali e vegetali, come è successo più volte in passato.

Autore : Luca Savorani

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum