Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il dibattito sul clima sta prendendo una brutta piega

Il dibattito pubblico sui cambiamenti climatici sta oramai esprimendo toni, dinamiche e contenuti che spesso di scientifico hanno veramente poco.

In primo piano - 22 Luglio 2013, ore 11.20

 Il problema è che, di questi tempi, non risulta per niente facile riuscire a capire dove si collocano i confini, spesso sottili, tra buona e cattiva scienza, tra scienza e pseudoscienza, tra scienza e opinione, tra informazione e disinformazione. D'altra parte, l'anacronistico e deleterio scadimento culturale scientifico che purtroppo caratterizza ancora la nostra società e la rende vulnerabile, induce molte persone a prendere coscienza e conoscienza di alcuni argomenti a carattere scientifico quasi unicamente attraverso i media e internet, che sono sicuramente i mezzi più efficaci di comunicazione di massa, ma allo stesso tempo rappresentano i sistemi decisamente più inclini alla deformazione e all'imprecisione.

Ecco perchè nell'opinione pubblica sono così diffusi gli stereotipi e i luoghi comuni, procedimenti intellettuali in netto contrasto con l'evoluzione ed il perfezionamento costante, che invece caratterizzano il pensiero scientifico.

Anche il caso dei cambiamenti climatici diventa in questo senso emblematico, perchè a quanto pare, sembra che le discussioni, a volte accese se non estreme, e dai contenuti spesso fantasiosi e presuntuosi, tendano a prevalere di più a livello sociale, prima ancora che in ambito scientifico, favorite anche, e questo bisogna dirlo, dall'accumularsi recente di dati scientifici in parte apparentemente inattesi. Tanto che negli ultimi tempi oramai chiunque si sente in grado di esprimere la propria opinione, spesso in controtendenza, pur non possedendo assolutamente le conoscenze e le competenze specifiche e necessarie per farlo.
 
Ma come fare allora per tentare un'orientamento, per cercare di fare un pò di ordine?
Supponiamo sia in gioco la nostra salute a causa di una malattia abbastanza grave; in tal caso, accetteremmo acriticamente i presunti rimedi trovati su internet o presso un medico qualunque che magari si occupa di tutt'altro, o piuttosto cercheremmo di affidarci a qualcuno con credenziali solide in campo medico, dall'ottimo curriculum professionale, e che operi in un centro specialistico di riferimento.
 
Allo stesso modo, a proposito di clima, forse dovremmo essere quantomeno diffidenti nel credere a Tizio, meteorologo qualunque, che pronostica un'imminente era glaciale, o all'astrofisico russo dello stesso parere, oppure al meteorologo francese che a maggio prevedeva per quest'anno un anno senza estate sull'Europa occidentale, salvo poi essere puntualmente smentito dai fatti, visto che in quelle regioni l'estate sta trascorrendo calda e stabile come non si vedeva da anni.
 
Stesso discorso per il fisico stile Einstein, che nella vita si occupa di particelle subatomiche, per il romanziere scienziato, o per il geologo sicuro che il clima andrà verso un'inarrestabile surriscaldamento senza fine con l'umanità, unica colpevole, a rischio di estinzione.
 
Ma anche se, in teoria, non si può escludere a priori che, con un pò di fortuna, qualcuno di costoro  possa avere ragione, forse però, per farsi veramente un'idea sullo stato dell'arte in materia, sarebbe decisamente più prudente dare maggior peso all'abbondante materiale scientifico disponibile, e divulgato dai più prestigiosi enti climatologici mondiali, e ascoltare quello che hanno da dire i climatologi di fama nazionale ed internazionale dalla formazione seria e coerente, che con i loro competenti gruppi di ricerca hanno speso anni e anni della loro vita a studiare questi fenomeni.
 
Si scoprirebbe che quelle quattro informazioni che circolano ripetutamente sui giornali, in televisione e spesso anche su internet, infatti, sono soltanto una caricatura approssimativa, la punta dell'iceberg; la mole reale di conoscenze, di dati e di ricerca invece che sta sotto è enorme. In letteratura scientifica internazionale esistono centinaia di lavori peer-review, che affrontano i vari aspetti connessi ai cambiamenti climatici, si possono scrinare anche via internet, ad esempio consultando una biblioteca dei lavori scientifici tipo PubMed; anche in Italia abbiamo ottimi gruppi di ricerca, ad esempio presso il CNR.
 
La banalizzazione volgare del problema scientifico dei cambiamenti climatici o peggio la sua denigrazione utilizzando termini gratuiti tipo bufala o bluff, appaiono in ogni modo comportamenti eticamente, moralmente e scientificamente scorretti. Il fatto poi che la scienza del clima, per natura stessa del campo di applicazione in cui opera, così complesso e resistente all'indagine e alla sperimentazione, sia evidentemente in difficoltà nel produrre risultati incontrovertibili e conoscenze univoche per tutta una serie di motivi tecnico-scientifici ed epistemiologici, anche se in costante evoluzione, bene, questo è un altro disorso.
 
La scienza, comunque sia, non deve mai essere confusa con l'opinione soggettiva. Poi è chiaro, le mele marce, le incurie, gli errori esistono in ogni ambiente, anche se nel settore scientifico in particolare, a differenza di molti altri ambienti che caratterizzano la società attuale, molto più permissivi, generalmente non fanno molta strada. Il meccanismo stesso che orienta e regolamenta la ricerca scientifica moderna, basato sulla necessaria pubblicazione dei lavori e dei dati, in modo che possano essere successivamente revisionati, sperimentati ed eventualmente criticati o smentiti da tutta la comunità scientifica internazionale, in genere, è sufficiente a garantirne il risultato.
 
 
 

Autore : Fabio Vomiero

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum