Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il declino dell'anticiclone dal Mediterraneo: ecco cosa succederà

L'inizio di questa nuova settimana, sarà ancora caratterizzato dalla persistenza sul nostro Paese, nonchè sui settori centrali ed orientali del Mediterraneo, di una massa d'aria piuttosto calda dalle origini subtropicali africane. Ecco in quale modo questa massa d'aria così stabile e mite abbandonerà il nostro territorio.

In primo piano - 18 Aprile 2016, ore 17.30

La seconda decade di aprile è stata caratterizzata da un'entrata prepotente in scena dell'anticiclone africano, veicolato alle nostre latitudini dalla persistenza di forti scambi meridiani: nella fattispecie lo sprofondamento di una massa d'aria fredda oceanica alle latitudini del Marocco e dell'Algeria che ha prodotto sui settori centrali ed orientali del Mediterraneo, una risalita corposa d'aria calda proveniente dal nord-Africa.

Siamo però giunti quasi al termine di questa lunga fase atmosferica, già in queste ore si compiono infatti le primissime manovre che porteranno l'alta pressione africana al ritiro dalla scena atmosferica italiana, sostituita da una circolazione moderata di bassa pressione attesa sul finire del mese.

Gli step che porteranno l'anticiclone africano al suo ritiro dal Mediterraneo, saranno principalmente due: il primo si compie già in queste ore ed è costituito dallo "scivolamento" di una piccola ma insidiosa circolazione di bassa pressione veicolante aria molto fresca oceanica sul Mediterraneo, con effetti inizialmente confinati ai settori settentrionali dello stivale. Seguirà un raffreddamento anche lungo i versanti centrali e meridionali adriatici tra domani, martedì 19 e mercoledì 20, evento che apporterà un primo calo delle temperature rivolto anche a questi settori.

Nel frattempo un aumento della pressione si verificherà sui settori a nord delle Alpi, agevolando così una prima rotazione del vento dai quadranti nord-orientali ed una riduzione delle temperature alle quote superiori.

Il secondo step sarà costituito dall'entrata in scena di una circolazione depressionaria veicolante aria più fredda ed instabile attesa pressappoco attorno la festività del 25 aprile. La parte finale del mese potrebbe infine essere caratterizzata da un profilo termico assai più fresco e da un ritorno dell'instabilità su tutto il Paese.

Seguite gli aggiornamenti.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 03.42: A5 Torino-Courmayeur

fog

Nebbia a banchi nel tratto compreso tra Svincolo Scarmagno (Km. 35,1) e Svincolo Quincinetto (Km. 5..…

h 03.39: A1 Bologna-Firenze

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Barberino di Mugello (Km. 261,4) e Calenzano-Sesto Fiorentino..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum