Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il curioso ma preoccupante fenomeno della NEVE "COLLOSA"

Interessante studio universitario pubblicato dall'Aineva.

In primo piano - 13 Febbraio 2017, ore 16.41

Durante la primavera 2009, numerosi sci alpinisti hanno segnalato la presenza, sotto le solette degli sci, di un materiale nerastro e appiccicoso che rendeva difficoltosa la discesa. Le segnalazioni hanno interessato un’ampia distribuzione: dalle Alpi Liguri alle Alpi Lepontine a quote comprese tra 1500 e 2500m.

Sono stati prelevati campioni di materiale solido direttamente dalle solette degli sci e campioni di neve presso le località maggiormente coinvolte dalle segnalazioni: le analisi in laboratorio si sono occupate della determinazione delle concentrazioni
di carbonio organico, azoto totale, metalli pesanti ed altri elementi in tracce, idrocarburi policiclici aromatici (IPA) ed alifatici.

I campioni di neve, inoltre, sono stati analizzati per la determinazione di pH, conducibilità elettrica, ioni principali; su alcuni campioni è stata inoltre effettuata la speciazione e la quantificazione dei grani pollinici presenti.

I risultati delle analisi hanno evidenziato nei campioni di
materiale solido un elevato contenuto di carbonio organico, idrocarburi alifatici a catena lunga e idrocarburi policiclici aromatici. Per alcuni metalli pesanti, tra cui
Zn, Cu, Mo, Cd, Sb, Pb e Bi, è stato riscontrato un moderato arricchimento rispetto alle concentrazioni medie crostali, indicando così che l’origine di questi elementi può essere, almeno parzialmente, antropica (residui di combustione).

Sui campioni di neve prelevati in superficie sono state rilevate elevate quantità di grani pollinici, soprattutto di specie arboree provenienti dalle aree forestali limitrofe (Pinus,Larix, Fagus). Dalla caratterizzazione chimica dei campioni di neve è emerso un contenuto di carbonio organico disciolto superiore non solo a quello rilevato nel 2009 nelle Alpi Orientali ma addirittura superiore a quello osservato nella neve di Torino.

Anche nella neve, analogamente al materiale solido, sono state rilevate elevate concentrazioni di idrocarburi pesanti e IPA. Gli strati più interni del manto nevoso hanno mostrato caratteristiche chimiche in linea con quelle tipiche delle Alpi dimostrando che la contaminazione ha interessato principalmente la porzione
superficiale.

E' possibile affermare che il fenomeno della “neve collosa” sia riconducibile alla deposizione su larga scala di residui di combustione, simili per composizione chimica a fuliggine o nerofumo. L’origine di questo materiale, così come i relativi processi di trasporto e di deposizione, rimangono tuttora sconosciuti e sono oggetto di indagine.


Autore : Report di Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 10.33: A11 Firenze-Pisa

controllo-velocita

Controllo velocità nel tratto compreso tra Lucca (Km. 65,8) e Capannori (Km. 60,5) in direzione..…

h 10.29: A1 Roma-Napoli

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Ceprano (Km. 643,3) e Pontecorvo (Km. 658,3) in direzione Napol..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum