Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il 1998 resta l'anno più caldo, il 2010 ci è rimasto male, prossimi anni più freschi?

Anche il ciclo solare 24 rivisto al ribasso

In primo piano - 10 Gennaio 2011, ore 11.37


Guardate quanto era più dinamica l'attività solare all'inizio del 2000 e di quanto sia calata negli ultimi 3 anni. Ora stiamo vivendo una lieve risalita, con il ciclo 24, atteso con i suoi modesti massimi entro il 2013, ma dal 2015 o 2016 partirà un altro letargico ciclo. 

Che il 2010 ed il 1998 siano stati anni di forte Nino non credo ci siano dubbi. Certo quello del 2010 è risultato più forte, ma anche più breve e soprattutto, a quanto si apprende dall'analisi degli indici, non ha avuto il sostegno di una PDO positiva, fase terminata nel 2006. Quando la PDO è in fase negativa il Nino ha vita dura e sono più frequenti gli episodi di Nina. La durata di una fase negativa della PDO può raggiungere anche i 30 anni, questo significa che, in combinazione con una scarsa attività solare, nei prossimi sanni sarà più facile (anche se non automatico) assistere a lievi o moderati raffreddamenti delle temperature globali, piuttosto che a riscaldamenti.

Infatti anche il ciclo solare 24 è stato rivisto al ribasso (meno di 60 macchie medie giornaliere); ciclo addirittura addormentato il 25, atteso dal 2016 circa. Dunque ci sarebbero molti segnali che farebbero pensare ad un trend termico assai lontano dal catastrofismo "serrista".

Secondo i dati satellitari dell'Università dell'Alabama, il 2010 ha chiuso a 0,411°C superiore alla media di riferimento, contro gli 0,424°C del 1998. Questo conferma ancora di più quanto esposto sopra e cioè nemmeno un Nino intenso è servito a "lanciare" verso l'alto le temperature. Resta il disastro nell'Artico e lo scioglimento rapido dei ghiacciai alpini e il calo di spessore (ma non di estensione) di quelli antartici a gettare benzina sul fuoco dell'AGW. 

Quanto all'Artico si può scomodare un semplice processo di feedback negativo pronto ad innescarsi per rimettere le cose a posto, ma anche l'attività geotermica in sede polare mai veramente approfondita. Rispetto alle Alpi invece basterebbero 2-3 inverni seri come quelli americani o canadesi e qualche estate fresca per invertire la rotta, ma evidentemente non è così che deve andare, almeno per ora.

Il punto è un altro: come mai la CO2 aumenta, mentre la temperatura resta più o meno costante? Che il loro cammino sia svincolato? Ne parlerà diffusamente il collega Angelini in un prossimo articolo.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 10.24: A2 Napoli-Salerno

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo Di Ponticelli (Km. 5,1)..…

h 10.24: A50 Via Sandro Pertini incrocio Tangenziale Ovest Di Milano

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Allacciamento A1 Milano-Napoli (..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum