Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

I veri nemici delle foreste

Incendi ed inquinamento minano i nostri boschi.

In primo piano - 19 Settembre 2003, ore 09.09

Negli ultimi 10 anni sono andati distrutti quasi due milioni di metri quadrati di foreste, una superficie pari a quasi sei volte quella del nostro Paese. Le zone maggiormente colpite da questi veri e propri disastri ecologici sono le zone tropicali umide dove la distruzione forestale viaggia pari a quasi dodici milioni di ettari all'anno, provocando l'emissione di una quantità maggiore del 20 / 30% di anidride carbonica nell'aria. Ma come ben sappiamo non sono solo le foreste tropicali ad essere distrutte dagli incendi, anche l'Italia soffre di questo grave problema. Le cause scatenanti sono da attribuire a vari fattori: il tempo secco e molto caldo, i temporali e i forti venti che provocano la propagazione delle fiamme, il deposito di materiali infiammabili , ma ancor peggio l'incoscienza e la negligenza dell'essere umano. In Italia negli ultimi dieci anni sono andati bruciati più di un milione di ettari, una superficie maggiore a quella della Campania. Attualmente il nostro Paese e'il primo in Europa per numero di incendi. Sono la Sardegna, la Calabria e la Liguria a far parte delle zone maggiormente colpite dagli incendi. Ma non sono solo gli incendi a distrugere ettari e ettari di foreste, ci sono altri nemici come i tagli intensivi e sconsiderati da parte dell'uomo, la conversione delle aree a favore dell'agricoltura e della pastorizia che avviene nei paesi in via di sviluppo. E l'inquinamento? Certo, anche lui fa parte delle minacce per le foreste ed in particolare le piogge acide. L'anidride solforosa e gli ossidi di azoto emessi dai motori degli autoveicoli e dalle centrali a carbone, vengono imprigionati nelle goccioline delle nuvole trasformandosi in acidi solforosi e nitrici per poi precipitare dalle perturbazioni atmosferiche sotto forma di piogge acide. I primi segnali sull'acidità delle piogge risalgono già agli anni 60, ma i sintomi di deperimento forestale furono notati dopo ben dieci anni su vari tipi di piante. L'ingiallimento delle foglie, l'arricciamento e la caduta precoce, come la difficoltà nella crescita sono tutti sintomi della crescita dell'inquinamento ambientale. In Europa buona parte dei boschi viene danneggiato appunto del fenomeno dell'inquinamento, prima in classifica e' l'Olanda, a seguire la Germania, la Svizzera e la Gran Bretagna, il tutto per un ammontare di perdite economiche pari a più di 30 miliardi di dollari l'anno.

Autore : Stefano Ghetti

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 02.17: A14 Diramazione Per Ravenna

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Bagnacavallo e Svincolo Di Ravenna - S.Vitale (Km. 26,5) in dir..…

h 02.05: A2 Autostrada del Mediterraneo

vento-forte

Vento forte nel tratto compreso tra 121 m dopo Svincolo Falerna-Lamezia Terme (Km. 304) e 18,082 km..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum