Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

I passi del CALDO di fine maggio in Europa

Analizziamo le mosse e gli effetti della fiammata africana sul cuore del continente europeo: sarà investita dapprima la Penisola Iberica, a seguire Francia e Germania, fino al testa a testa con la roccaforte del freddo piazzata sulla Scandinavia; quindi il probabile ripiegamento sull'Est Europeo, che sarà coinvolto in pieno. Per molte aree geografiche si tratterà della prima parentesi estiva della nuova stagione. A seguire sembra profilarsi un nuovo raffreddamento.

In primo piano - 26 Maggio 2005, ore 12.26

Stavolta l'Africa sembra voler far sul serio. Una lenta ma inesorabile risalita di aria calda dall'entroterra algerino sta già interessando in queste ore Gibilterra e Andalusia; il successivo coinvolgimento dell'intera Penisola Iberica è affare -scontato- delle prossime ore. Merito della spinta propulsiva di un anticiclone che, così determinato e apparentemente incontrastato, non lo si ricordava da tempo. Talmente deciso a puntare verso nord-est, che esso lascerà scoperto il proprio fianco orientale, lungo il quale scorreranno correnti (relativamente) più fresche, che avranno il merito di instabilizzare il tempo sul nostro Appennino e di rendere le temperature della Sicilia meno calde di quelle previste su Francia e Germania. L'azione di penetrazione nel cuore del Continente Europeo del cuneo anticiclonico sarà favorita dalla concomitante depressione atlantica, inizialmente centrata al largo del Golfo di Biscaglia e successivamente in spostamento verso nord, che avrà il merito di aspirare aria calda e di incanalarla nel corridoio preferenziale che passa per Francia, Germania e Regione Alpina. Il risultato di tutto ciò sarà un repentino riscaldamento di tutta l'Europa Centrale, Cornovaglia e Danimarca comprese; a seguire l'anticiclone demorderà proprio nel momento del testa a testa con il freddo scandinavo (addirittura 22 gradi di differenza nella libera atmosfera in poche centinaia di chilometri!), preferendo la via dei paralleli a quella dei meridiani. Per logica conseguenza, la massa d'aria calda si spalmerà su tutto l'Est Europeo, coinvolgendo in maggior misura la Polonia, la Repubblica Ceca, la Slovacchia, l'Austria e l'Ungheria. In ultimo, il caldo si ritirerà sulla Bielorussia e sull'Ucraina, lasciando l'Europa alle prese con un nuovo sensibile raffreddamento. Sulla Germania in pochissimi giorni la colonnina di mercurio potrebbe infatti scendere di circa 15 gradi (!), ma di questo vi daremo conferma e approfondimenti più dettagliati negli articoli dei prossimi giorni. Vediamo intanto il cammino, step by step, del caldo di questa coda di maggio. VENERDI 27 Il caldo conquista la Francia, mentre la Spagna vive uno dei giorni più caldi dell'anno. Respira invece il Portogallo, merito dell'entrata franca delle correnti atlantiche. Ma la colonnina di mercurio sale anche su tutta la Regione Alpina, Belgio, Lussemburgo e Germania comprese. Lambita dal riscaldamento anche l'Inghilterra meridionale e l'Olanda. Il cuore del caldo è sulla Meseta e sui Pirenei. SABATO 28 Il nocciolo del caldo si divide in due tronconi: quello meridionale persiste sulla Penisola Iberica, dove si potrebbero registrare valori superiori ai +35°C; quello settentrionale viaggia invece dritto verso nord-est, puntando la Danimarca, che viene di fatto investita. Il cuore del caldo abbraccia le Alpi, i Pirenei e la Meseta, senza risparmiare nemmeno Olanda e Guascogna. DOMENICA 29 E' il momento del testa a testa con il freddo che ancora resiste sulla regione scandinava. L'anticiclone tuttavia desiste dalle proprie mire espansionistiche nord-europee e si accontenta di quello che passa il convento: in un batter d'occhio è presa tutta l'Europa orientale, dalla Polonia alla Bielorussia, passando per Serbia e Ungheria. Il nocciolo del caldo ora è sull'Austria e sulla Repubblica Ceca. LUNEDI 30 L'anticiclone si corica sulla Regione Carpatico-Danubiana. Il caldo insiste su tutta l'Europa orientale, coinvolgendo anche Ucraina e Bosnia Erzegovina. La roccaforte si sposta anch'essa verso est: Polonia e Bielorussia sono le regioni più calde d'Europa. Nel frattempo, notevole è il raffreddamento che interviene ad ovest del Continente, con Francia e Germania che passano a temperature autunnali in meno di 24 ore. MARTEDI 31 Cedono di schianto anche Polonia, Slovacchia e gran parte dell'Est Europeo: il caldo si ritira su Russia, Kazahstan e Regione Caucasica, mentre in Europa si conferma di fatto una nuova fase meteorologica.

Autore : Emanuele Latini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum