Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

I due volti dell'estate: tanta pioggia sulle Alpi, rischio siccità nel senese

Al di sopra dei 2500 metri in alcuni casi si è fatta vedere addirittura la neve. Penalizzate invece alcune ristrette porzioni del territorio, tra le quali alcuni settori padani posti intorno al Po e la province di Siena e Grosseto.

In primo piano - 16 Luglio 2008, ore 10.45

L'ultima perturbazione ha lasciato il segno, in particolare sulle Alpi. Un buco nelle precipitazioni, ma soprattutto nella rete idrica, si sta invece aprendo su alcune zone della Toscana, in particolare nelle province di Siena e Grosseto. Le bizzarrie atmosferiche della nostra Penisola ribadiscono quante variegate situazioni microclimatiche possano verificarsi sul nostro territorio. Il discorso mette nero su bianco le difficoltà previsionali che a volte si incontrano in determinate configurazioni meteorologiche. Il nostro territorio, estremamente articolato, può nascondere zone che rispondono in maniera del tutto opposta ad una stessa evenienza atmosferica. Noto il caso delle Alpi durante il periodo estivo, il più piovoso dell'anno, così come altrettanto nota è la carenza di precipitazioni nell'area padana posta intorno alla fascia del fiume Po. Anche l'estate che stiamo vivendo non smentisce questi dati. Le ultime angherie dell'Atlantico hanno creato anche situazioni limite sulle Alpi, come in Valtellina. Segnaliamo in ultima analisi anche l'esondazione del lago di Como e i tre giorni di pioggia quasi ininterrotta che hanno flagellato le Alpi Orientali. Ben diverso risulta invece l'andamento della stagione su alcuni ristretti settori della Toscana, in particolare nella zona del Chianti, famosa per i suoi celeberrimi vigneti. In provincia di Siena gli accumuli precipitativi, già limitati statisticamente a monte, sono rimasti indietro rispetto al resto della regione. A tal proposito, visto il perdurare della situazione, i sindaci delle località interessate dal fenomeno sono stati convocati in Prefettura per decidere un eventuale razionamento dell'erogazione di acqua potabile in alcuni comuni. Le sorgenti e i pozzi, nonostante la boccata di ossigeno avuta grazie alle piogge primaverili, pare siano già agli sgoccioli. Dito puntato contro il cielo ma non solo. Le condizioni degli acquedotti che servono la zona sono pessime e si calcola che una non irrilevante percentuale del prezioso liquido vada perso prima di raggiungere le nostre case.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum