Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

I disegni del tempo: quando gli anticicloni prendono la forma ad "omega"

Si tratta di una figura anticiclonica bloccata ai fianchi da due situazioni depressionarie. Il tutto causato da un blocco della circolazione generale dell'atmosfera e dalle correnti occidentali delle medie latitudini.

In primo piano - 5 Ottobre 2009, ore 09.07

E' tutta questione di onde. Quali onde? Quelle atmosferiche naturalmente. Quando le nostre correnti occidentali, per varie cause, iniziano ad ondeggiare sempre più lungo i meridiani possono raggiungere un punto (calcolabile matematicamente) che segna un perfetto equilibrio tra le forze in gioco. Ecco che le nostre onde rallentano e iniziano a disegnarsi sulle carte le tipiche figure del tempo che tutti conosciamo: basse e alte pressioni. Qualora si verifichi la suddetta situazione di equilibrio ecco apparire in mappa quella caratteristica figura che contempla un bel cuneo anticiclonico nel mezzo, tenuto sotto scacco da due centri depressionari sentinella ai fianchi. E' la classica figura nota come "blocco ad omega". La situazione presenta caratteristiche di stazionarietà che implicano una persistente fenomenologia sui territori che rispettivamente vengono impegnati dall'una o dall'altro rovescio della medaglia. Così, laddove insiste l'azione nuvolosa appartenente alle circolazioni depressionarie, si possono verificare lunghi periodi di maltempo con piogge persistenti e, in determinate situazioni, anche occasionali circostanze alluvionali. Viceversa, persistenti siccità o temperature al di sopra delle medie stagionali rappresentano le caratteristiche meteorologiche predominanti laddove domina l'anticiclone, detto appunto a "omega", a causa della somiglianza con la lettera greca. La situazione di blocco anticiclonico solitamente mostra una buona longevità a causa del continuo passaggio di energia tra le opposte figure bariche, le quali tendono a neccessitare di molto tempo per dissipare le loro forze. Tutto decàde qualora l'equilibrio energetico di questa circolazione venga meno a causa di un intervento esterno, come ad esempio, l'iniezione di vorticità positiva da parte di una corrente a getto o la modofica dell'assetto del vortice polare in sede artica.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 08.17: A1 Roma-Napoli

rallentamento

Traffico rallentato causa viabilità esterna non riceve nel tratto compreso tra Allacciamento Asse..…

h 08.17: A22 Autostrada Del Brennero

coda rallentamento

Code per 4 km causa traffico intenso nel tratto compreso tra Carpi (Km. 302,2) e Allacciamento A1..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum