Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

I bellissimi di MeteoLive: la tormenta di neve al Passo Resia, novembre 2001

Una troupe di MeteoLive, composta da Alessio Grosso, Paolo Colombo e Sofia Fabbri, è partita alla volta del Passo Resia venerdì mattina 23 novembre alle 6.30 da Milano. Eccovi la cronaca del viaggio di andata.

In primo piano - 19 Ottobre 2006, ore 10.01

Una troupe di MeteoLive è partita alla volta del Passo Resia venerdì mattina 23 novembre alle 6.30 da Milano. Eccovi la cronaca di questa giornata davvero emozionante. "Si parte da Milano alle 6.30 con nebbia in banchi sospinta dalle prime raffiche di Favonio, la temperatura è di +0.9°C in Piazza Frattini, a sud-ovest della città, l’umidità è pari al 97%. Si raggiunge Piazzale Lotto: qui una raffica di Foehn ha reso l’aria secchissima e fatto schizzare la temperatura a 8°C ma una sacca di nebbia e freddo resiste intorno allo Stadio Meazza e alla montagnetta di San Siro. Sul cavalcavia Kennedy che conduce all’autostrada Favonio violento con raffiche, visibilità eccezionale e temperatura che sale a 10°C. Alle 7.20 siamo a Bergamo lungo l’autostrada A4. Il cielo è sereno, si nota un muro del Foehn molto basso, come spesso accade nelle prime ore del mattino: infatti qualche rovescio nevoso si spinge fin sull’alta Val Seriana e Brembana fino a quote basse. Incredibile il gradiente termico verticale con 0°C a 900 m e 9°C in pianura. Ma l’aria secca e favonica lascia il posto a Brescia ad uno spettacolo indimenticabile: ritroviamo la nebbia! Dapprima appare come una densa linea scura all’orizzonte, poi avvolge i campi e infine si piomba nuovamente nell’oscurità con visibilità intorno ai 50 m e 2°C. I banchi proseguono fino a Peschiera, poi riprende a soffiare il Favonio. Imbocchiamo l’autostrada del Brennero: si notano le nubi cumuliformi stracciate dal vento che riescono comunque a produrre alcuni rovesci nevosi fino a quote collinari da Trento a San Michele all’Adige. Poco prima di Bolzano rasserena nuovamente, niente Foehn e temperatura di 4°C alle 9.50. Usciamo a Bolzano sud e percorriamo la strada che, superando Merano conduce alla Val Venosta. Il muro del Foehn ci appare vicinissimo. Oltre Merano nuvole sempre più compatte, cime avvolte nei rovesci di neve e qualche fiocco sparso che scende fino a quote basse. A Prato allo Stelvio, 900 m, il Foehn è solo un ricordo ma l’aria è piuttosto secca e i fiocchi raggiungono solo le quote superiori. La temperatura piomba a –1°C. Saliamo adesso a Malles Venosta. Siamo in Italia, ma solo nei cartelli stradali, per il resto sembra ormai di essere in Austria. Salendo i dolci tornanti che conducono al Resia, 1488 m, comincia a nevicare seriamente e soffia di nuovo il vento che solleva la neve sulla strada come fosse farina. Siamo a –4°C. Ora è tutto bianco e tra le 11 e le 12 è tormenta con accumuli di alcuni cm. Fermiamo la macchina al famoso campanile di Curon, immerso nel lago, che si scorge appena. Sembra la Siberia, si cammina a fatica, la neve ti entra dappertutto, siamo a -6°C!

Autore : Redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 03.38: A7 Milano-Genova

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Serravalle Scrivia (Km. 84,5) e Busalla (Km. 111,5) in entrambe l..…

h 03.36: A14 Pescara-Bari

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Ancona Sud (Km. 230,4) e Poggio Imperiale (Km. 507) in entrambe l..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum