Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

GUAZZABUGLIO MODELLISTICO per la prima settimana di giugno

Stabilità sì? Stabilità no? Ecco come viene inquadrata al momento la situazione prevista per la prima settimana di giugno.

In primo piano - 28 Maggio 2013, ore 11.37

Le previsioni a lungo termine stanno assumendo sempre più le connotazioni di un autentico rompicapo. Da una parte abbiamo la nota falla barica, che stenta a rimarginarsi e continua a dispensare instabilità non solo sulla nostra Penisola, ma anche su gran parte d'Europa. Dall'altra c'è la bella stagione, che vorrebbe uscire allo scoperto con il suo corredo di stabilità e bel tempo, dopo essere stata per molto tempo in ombra...ad attendere.

Alcuni modelli oggi fiutano qualche cambiamento in positivo, mentre altri optano per un mantenimento (seppure con toni meno accesi) della situazione che è presente attualmente.

Questa mattina abbiamo preso la giornata di venerdì 7 giugno come "campione" da testare sulle tre elaborazioni più importanti presenti in rete: il modello americano, quello europeo e quello canadese.

L'americano, quest'oggi, è il più ottimista e vede il riassorbimento quasi completo della falla barica europea a favore di una situazione assai più consona al periodo in questione.

Ci sarà ancora qualche incertezza sull'Europa orientale, ma complessivamente l'alta pressione uscirà allo scoperto, con un cuneo di chiara matrice africana.

Notate la depressione atlantica ormai lontana dai nostri lidi, con interessamento dell'Islanda e del Regno Unito, come solitamente avviene.

Se la tesi di questa elaborazione andasse in porto, non ci sarebbero grossi problemi: l'estate partirebbe quasi indisturbata e le giornate fredde e piovose sarebbero solo un ricordo.

La tesi del modello europeo è ( per certi versi) simile a quella del collega americano, ma con alcune differenze.

Secondo questa elaborazione, non sarebbe l'alta pressione africana a far partire la stagione, bensi l'anticiclone delle Azzorre. Il suo tentativo di allungo verso la nostra Penisola non ci sembra però molto convinto, tant'è vero che la depressione presente in alto potrebbe insidiarlo con una corrente più fresca nord-occidentale.

In poche parole, ci sarebbero sicuramente passi avanti, ma complessivamente la situazione resterebbe variabile e ancora passibile di attacchi provenienti da nord-ovest.

Il più pessimista ( quantomeno per le nostre regioni settentrionali e quasi tutta l'Europa) è il modello canadese.

Questa elaborazione smentisce quasi totalmente le tesi dell'americano e dell'europeo e opta per un mantenimento dell'instabilità sul nostro Continente, proprio come sta avvenendo in questi giorni,

In verita ci sarebbe un miglioramento del tempo su parte del centro e soprattutto al sud, stante la presenza di un cuneo di matrice africana, ma la situazione non darebbe garanzie di stabilità complessiva per la nostra Penisola.

Chi avrà ragione? Al momento è una domanda assai difficile. Nei prossimi giorni, con l'avvicinamento della scadenza previsionale, vi sarà quasi certamente un allineamento verso una di queste tre tesi e solo allora scopriremo quale modello avrà avuto la vista più lunga.


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum