Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

GUASTO nell'ultima decade di marzo? Ipotesi a confronto!

Alta pressione sugli scudi per gran parte della seconda decade di marzo. Un guasto potrebbe aversi dopo il giorno 20. Ecco tre ipotesi a confronto.

In primo piano - 10 Marzo 2014, ore 11.20

L'alta pressione dovrebbe reggere su gran parte del nostro Continente almeno fino al giorno 20 del mese in corso. I massimi saranno ubicati in prossimità dell'Europa centrale, ma ingloberanno anche la nostra Penisola, a parte disturbi all'estremo sud.

Spazio quindi a belle giornate soleggiate, unite a temperature superiori alle medie del periodo che si avranno durante il giorno.

La situazione potrebbe cambiare a ridosso della terza decade del mese; la parte forte dell'anticiclone migrerà in direzione del Vicino Atlantico, lasciando campo libero alle correnti instabili e fredde provenienti da nord-ovest. E' una situazione ancora non ben definita, ma inquadrata a grandi linee dai tre principali modelli presenti in rete.

Il più "pessimista" oggi è il modello europeo. Secondo questa elaborazione, giovedì 20 la nostra Penisola sarà già sotto condizioni instabili dettate dalle sopracitate correnti di provenienza nord-occidentale.

Notate l'alta pressione che si farà da parte, migrando in Atlantico, fungendo da "scivolo" per gli impulsi instabili e freddi sul nostro Continente.

La terza decade, di conseguenza, potrebbe essere governata dall'instabilità, con un clima anche abbastanza freddo.

Il modello americano è invece assai più leggero e posticipa l'arrivo delle correnti instabili verso il 22-23 del mese in corso.

Il giorno 20 sembra ancora "salvo", stante una blanda espansione dell'alta pressione delle Azzorre verso levante. In un primo tempo, le ingerenze fredde ed instabili (secondo questo modello) sarebbero appannaggio dell'Europa nord-orientale, con l'Italia ancora protetta dall'alta pressione.

Solo successivamente le condizioni meteo peggiorerebbero anche da noi, per via del ritiro verso ovest del braccio azzorriano stabilizzante.

Il modello canadese si pone in mezzo tra " il più stabile" americano e "l'instabile" europeo.

Secondo questa elaborazione, l'Italia verrebbe interessata da correnti nord-occidentali, ma in maniera più blanda rispetto alla tesi europea.

Lo spostamento dei massimi di pressione ad ovest viene comunque visto e da ciò potrebbero scaturire peggioramenti successivi di natura nord atlantica.

Chi avrà ragione? Stabilirlo ora è impresa quasi impossibile. Non ci resta che attendere e vedere quale delle tre linee tendenziali prenderà il sopravvento con le prossime emissioni modellistiche.

 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 13.51: A56 Tangenziale Di Napoli

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Barriera Napoli Est (Km. 19,6) e..…

h 13.51: A2 Napoli-Salerno

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Allacciamento A1 Milano-Napoli (..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum