Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Guasto del 13 maggio: i modelli si stringono la mano...

Questa mattina i tre modelli principali della rete danno un responso molto simile in merito al guasto atteso in Italia per la prossima settimana. Ecco tutti i dettagli.

In primo piano - 7 Maggio 2014, ore 09.46

Dall'Africa all'instabilità ad oltranza sulla nostra Penisola? Beh, con gli scambi meridiani il passo è breve. Basta un piccolo cambiamento di rotta da parte di una colata fredda per avere grosse ripercussioni sul tempo in sede italica.

Questa mattina i tre principali modelli (Americano, Canadese e Inglese) fiutano un guasto sull'Italia tra martedì 13 e giovedì 15, che inizierà dalle regioni settentrionali e si propagherà più o meno velocemente al centro-sud. La giornata presa come campione per la nostra analisi è martedì 13 maggio.

La prima cartina ci mostra l'analisi sinottica emessa dal modello Americano per la giornata in parola.

Alta pressione defilata ad ovest, aria fredda in discesa dal nord Atlantico e condizioni di instabilità segnatamente al nord. Tra mercoledì e giovedì piogge e temporali marceranno verso il centro-sud, seguiti da una diminuzione delle temperature in seno a correnti settentrionali abbastanza sostenute.

La seconda cartina inquadra la situazione sinottica attesa per il medesimo giorno secondo secondo il modello Canadese.

Come vedete, non ci sono grosse differenze con il collega americano. Questa elaborazione, tuttavia, fa persistere maggiormente l'instabilità sull'Italia in seno ad un'entrata migliore dell'aria fredda sul bacino centro-occidentale del Mediterraneo. In altre parole, il guasto sarebbe meno veloce ed evolutivo.

Da notare il poderoso blocco altopressorio sul vicino Atlantico: una sorta di invito per le discese fredde in sede europea.

Concludiamo la nostra analisi con la sinottica prevista dal modello Inglese, valida ovviamente per il medesimo giorno.

Anche in questo caso non sussistono differenze rilevanti rispetto ai due colleghi precedenti. Tuttavia, il passaggio sembra più veloce, stante una minore penetrazione dell'aria fredda nel Mediterraneo.

A quasi una settimana dalla scadenza previsionale si tratta comunque di "finezze", che fanno capo ad una buona collimazione dei tre principali elaborati meteo presenti in rete.

 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum