Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Grosso: "sarà ancora caldo malsano e preoccupante, è come se a gennaio avessimo sempre -10°C"

Tradizionale intervista settimanale ad Alessio Grosso.

In primo piano - 13 Luglio 2015, ore 11.23

REDAZIONE: il modello europeo sembra aver vinto la sfida con l'americano e rilancia per un caldo esagerato ed estremo sul nostro Paese.
GROSSO: si, stupisce la costanza del periodo caldo che in sostanza stiamo vivendo dalla fine di giugno, se si eccettua l'effimera e parziale interruzione negli ultimi giorni.  La fase calda oltretutto al momento presenta vie d'uscita solo dal 24-25 del mese. Si sperava che il modello americano potesse aver ragione nel prevedere qualche temporale rinfrescante in più da sabato 18 ma i fenomeni sembrerebbero fermarsi al settore alpino. E' chiaro che una tale situazione trasforma l'estate in una stagione infernale per chi rimane in città: stanchezza, sonno perso, dolori e patologie di vario genere per condizionatori spinti all'eccesso, spreco di energia, bambini malati, anziani a disagio.

REDAZIONE: cosa si può consigliare?
GROSSO: i consigli classici sulla casa fresca, la frutta fresca, l'acqua fresca, il condizionamento intelligente, l'abbiamo dato più volte, se si può allora meglio sfruttar il periodo per la villeggiatura: mare o monti che siano, solo così ci si può godere la stagione senza pensare ai record di caldo. Anzi, in montagna, una stagione così la sognavano da tempo: pochi temporali, tanto sole e caldo. Certo, i ghiacciai soffrono, ma il turismo di questo si preoccupa poco. Con la crisi, la natura passa in secondo piano, purtroppo.

REDAZIONE: è probabile dunque il superamento di nuovi record?
GROSSO: la massa d'aria che invaderà il nostro Paese non è più calda di quella che arrivava negli anni scorsi, ma la sua persistenza, il fatto che non ci sia mai stato e che non si preveda alcun serio break temporalesco al suo dominio, fa pensare che anche in mancanza di termiche record, si possano raggiungere e battere i valori registrati nei mesi di luglio bollenti del passato.

REDAZIONE: come è possibile che avvenga tutto questo? E' colpa del Nino? Del monsone africano e di conseguenza dell'ITCZ?
GROSSO: la circolazione zonale ha funzionato poco in questi ultimi mesi, di vere perturbazioni atlantiche ne sono transitate pochissime, il maltempo è arrivato per via meridiana, cioè in seguito ad affondi saccaturali da nord. Il punto è che, se come già accaduto ad esempio nel 2003, per un motivo che nessuno ha ancora veramente capito, quando le saccature puntano tutte sull'estremo ovest del Continente, da noi di sponda arriva aria calda africana, anche se tale anticiclone non fosse al massimo della forma, anche se il monsone dell'Africa sud occidentale non risultasse molto attivo. Che il Nino abbia un impatto così immediato personalmente mi trovo dubbioso. Dunque si va ad annate, in un contesto però innegabilmente più caldo, in cui le temperature sopra la media dominano quasi tutto l'anno.

REDAZIONE: un luglio così feroce però il modello CFS non se l'aspettava...
GROSSO: onestamente nemmeno io e così è francamente troppo. E' come se in inverno passassimo tutto gennaio a -10°C in pianura, i problemi non mancherebbero. Ora la persistenza della calura ne sta creando e ne creerà altri. Gli estremi devono sempre preoccupare.
 


Autore : Redazione MeteoLive.it

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 03.13: A4 Brescia-Padova

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Brescia Ovest (Km. 217,3) e Interconnessione A21 (Km. 223,5) in..…

h 02.44: SS62 Della Cisa

coda

Code a tratti, veicoli scortati nel tratto compreso tra 23 m dopo Incrocio Passo Della Cisa (Km. 56..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum