Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

GROSSO: "Piogge autunnali, siamo in eterna attesa"

Tradizionale intervista settimanale ad Alessio Grosso.

In primo piano - 8 Ottobre 2019, ore 09.56

REDAZIONE: i modelli continuano a rimandare o comunque a ridimensionare il serio sfondamento delle correnti perturbate atlantiche nell'area mediterranea, come mai?
GROSSO: è sempre un discorso legato alla temperatura. Le saccature faticano a guadagnare spazio verso sud perché sono meno colme di aria fredda rispetto al passato, mentre gli anticicloni risultano più forti e più alti di latitudine.

REDAZIONE: le carte meteo rispetto all'arrivo delle piogge autunnali però sembrano un po' l'abito nuziale di Penelope, fatto di giorno e disfatto di notte. Una sorta di effetto miraggio.
GROSSO: è così. I modelli credono di poter vedere, specie nel lungo termine, affondi perturbati anche severi nell'area mediterranea, perché la risoluzione in quell'intervallo di tempo diviene più bassa e i parametri considerati inferiori, più si avvicina l'evento e più esso si "nutre" di tutte le anomalie che hanno accompagnato a livello barico le stagioni in Europa; così le perturbazioni "evaporano", le saccature si ridimensionano, l'alta pressione mostra sempre di avere 7 vite.

REDAZIONE: ma un po' di pioggia arriverà dopo metà mese?
GROSSO: al nord e su parte delle regioni tirreniche pare di si. I modelli comunque confermano in linea generale la penetrazione di cavi d'onda moderatamente perturbati sul nord Italia dal 15 in poi ed anche oltre. Si tratterà di fasi piovose di breve durata ma comunque utili al territorio, molto meglio di un'ondata di maltempo severa che magari scarica 300mm in un giorno su una data località per poi riconsegnarci l'anticiclone per settimane. Dunque, in fondo, anche queste azioni di piccolo cabotaggio alla fine si rilevano utili per portare acqua preziosa al territorio, anche se non su tutte le regioni.

REDAZIONE: la lentezza con cui si esce dall'estate suggerisce poi anche la difficoltà di affermazione dell'inverno, oppure no?
GROSSO: di per sé l'inverno dopo l'Immacolata arriva, paradossalmente la presenza dell'anticiclone è capace di renderlo anche freddo sulle pianure del nord e nelle valli del centro invase dalle nebbie, poi tutto dipende da quante irruzioni fredde riescono a piombare verso sud dal nord del Continente, l'inverno italico ha sempre funzionato ad episodi. Direi dunque che l'autunno fa storia a sé. Non scriverei già una storia mite anticipata di un inverno ancora da vivere.

REDAZIONE: nei prossimi anni la situazione sarà davvero tale da non avere più ghiaccio e neve sulle Alpi e in Appennino?
GROSSO: la variazione del clima è sotto gli occhi di tutti, se dovesse proseguire questo trend è chiaro che i ghiacciai si ridurrebbero ulteriormente, ma comunque le nevicate invernali o nelle stagioni intermedie sulle Alpi e in Appennino, pur meno frequenti, non dovrebbero mancare.

 


Autore : Redazione di MeteoLive.it

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum