Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

GROSSO: "luglio feroce, ma sugli effetti del Nino sempre meglio la prudenza"

Tradizionale intervista settimanale ad Alessio Grosso.

In primo piano - 3 Luglio 2015, ore 11.51

REDAZIONE: con il caldo ora si sta facendo sul serio. Anche troppo. Tutto luglio andrà così?
GROSSO: troppo presto per dirlo. E' vero che il caldo ha preso possesso del Mediterraneo, è vero che nella media degli scenari del modello europeo la sua performance appare netta e il disturbo temporalesco del periodo 10-12 ad oggi appare un po' troppo modesto per cambiare i connotati del mese, però la distanza temporale ci induce ad essere prudenti, così come è giusto usare prudenza nell'attribuire questa invasione dell'africano alla presenza e al rafforzamento del Nino nel Pacifico; non c'è solo la temperatura superficiale degli oceani a disegnare le circolazioni bariche, anche se nel caso del Bambinello si tratta di una super teleconnessione .

REDAZIONE: dunque l'azione dell'anticiclone africano rientrerebbe comunque nel ciclo caldo che abbiamo sperimentato in estate negli ultimi 25 anni, pur con qualche interruzione.
GROSSO: certamente queste invasioni calde così spettacolari fanno parte di quel mutamento climatico che è avvenuto e che continua ad avvenire sul Continente e che ha spinto la cella di Hadley a collocarsi maggiormente verso nord. In più già dallo scorso autunno stiamo sperimentando una circolazione meridiana delle correnti, anzichè zonale. In pratica il maltempo è arrivato solo attraverso scambi meridiani, come già successo in passato, e come probabilmente risuccederà in futuro, dopo una fase magari caratterizzata da un flusso più prettamente zonale, cioè con perturbazioni atlantiche in transito da ovest anche alle nostre latitudini. Che il Nino abbia forzato questa circolazione ci può stare, ma anche no, che possa influenzare invece la seconda parte dell'estate e l'autunno è lecito pensarlo, ma ricordiamoci che il Nino nel semestre freddo non porta certo l'anticiclone.

REDAZIONE: una piccola rinfrescata comunque possiamo aspettarcela?
GROSSO: non prima del 10 e limitatamente al settentrione e a parte del centro. Subito dopo potrebbe esserci una nuova fiammata calda sino a metà mese. Per la seconda parte del mese, come detto prima, è meglio aspettare.

REDAZIONE: quali saranno le regioni a soffrire maggiormente il caldo?
GROSSO: in primis la Sardegna, la Valpadana, le zone interne del Tirreno, al sud la Puglia, perchè la bolla calda, pur un po' attenuata rispetto a precedenti emissioni modellistiche, è prevista coricarsi proprio sul nostro Paese da domenica. Si registreranno molte punte di 37°C, qualcuna di 38°C e purtroppo anche qualche punta di 39-40°C.


Autore : Redazione MeteoLive.it

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 12.02: A4 Milano-Brescia

incendio

Incendio nel tratto compreso tra Allacciamento Tangenziale Est Di Milano (Km. 146) e Agrate (Km. 14..…

h 12.01: SS1 Via Aurelia

problema sdrucciolevole

Fondo stradale dissestato a 9,976 km prima di Incrocio Ospedaletti (Km. 676,3) in entrambe le dir..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum