Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

GROSSO: "la nina non influisce particolarmente sulle nostre estati"

Intervista settimanale ad Alessio Grosso, previsore responsabile di MeteoLive.it

In primo piano - 27 Aprile 2006, ore 10.09

REDAZIONE: allora Grosso, che ponte sarà? GROSSO: "direi un pontaccio per chi ha deciso di partire. Inizialmente instabilità ed acquazzoni agiranno in modo democratico un po' su tutto il Paese, poi per il primo maggio andranno concentrandosi al nord, divenendo anche intensi e favorendo qualche nevicata sulle Alpi mediamente oltre i 1500-1600m". REDAZIONE: cosa è cambiato visto che fino a ieri si pensava ad un primo maggio con un po' di sole quasi ovunque? GROSSO: "quando il tempo gioca a sorprenderci tutto diventa più stimolante, è stato sufficiente che il vortice freddo in discesa sull'Europa centrale fosse inquadrato dai modelli un po' più ad ovest e un po' più a sud del previsto per innescare un tipo di conseguenze assai diverse per il nostro Paese. Tuttavia chi abita al centro-sud, specie al di sotto della Toscana dovrebbe vivere un primo maggio con qualche raggio di sole". REDAZIONE: è possibile che le carte tornino ad indicare variazioni positive? GROSSO: assolutamente si, in primavera fino al 90° può accadere di tutto, perchè le sorprese sono dietro l'angolo e dunque dobbiamo aspettarci un continuo riposizionamento delle figure bariche e dei minimi. REDAZIONE: insomma lei sta mettendo le mani avanti... GROSSO: beh, non proprio, diciamo che oggi vi sono molti segnali di convergenza tra i modelli rispetto all'evoluzione perturbata dei prossimi giorni, però metto in guardia sul fatto che a volte anche 10 modelli su 10 concordi su un certo tipo di tempo non soddisfano la previsione. REDAZIONE: si parla della presenza della Nina e dunque di un'estate fresca o nella norma per l'Italia, lei che ne pensa? GROSSO: Direi classica, la nina non influisce particolarmente sulle nostre estati, bensì sui nostri inverni, che risultano più siccitosi del normale. La Nina infatti è nota per provocare un intenso e anomalo raffreddamento del Pacifico tropicale e il calo termico si propaga sopra i cieli dei tropici. Questa diminuzione delle temperature alle alte quote riduce il divario termico fra basse e medie latitudini e, riducendosi i contrasti termici, l'alta pressione delle Azzorre diventa la padrona del Mediterraneo portando bel tempo, ma anche nebbia e siccità, mentre le perturbazioni veleggiano a latitudini più settentrionali. E' invece con il Nino che la stagione estiva in Italia risulta particolarmente calda e siccitosa, specie al centro-sud. Questo è accaduto nel 1983, 1988, 1994, 1998 e come tutti ricordano, 2003.

Autore : Redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 09.47: A1 Milano-Bologna

coda incidente

Code per 2 km causa incidente nel tratto compreso tra Fiorenzuola (Km. 74) e Fidenza (Km. 90,4)..…

h 09.42: A1 Firenze-Roma

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Arezzo (Km. 358,5) e Monte San Savino (Km. 371,6) in direzione..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum