Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

GROSSO: "l'inverno ha altri colpi in canna"

Tradizionale intervista settimanale ad Alessio Grosso.

In primo piano - 2 Gennaio 2015, ore 09.48

REDAZIONE: cominciamo dall'irruzione fredda che ci ha appena interessato: poteva davvero incidere maggiormente e persistere più a lungo?
GROSSO: intanto auguri a tutti i lettori di MeteoLive! Questa era un'irruzione fredda di notevole portata e lo testimoniano le nevicate sin sul mare sulle nostre regioni meridionali, ma la spinta del getto, la mancanza di un vero blocking in Atlantico, in altre parole la sostanziale compattezza del vortice polare hanno impedito che mettesse radici e potesse avere risvolti nevosi anche sulle regioni tirreniche e in prospettiva al nord, per altri motivi.

REDAZIONE: si ha come l'impressione che la notevole spinta del getto finisca però per risultare meno importante di quanto le carte non la vedano. Ad esempio per l'Epifania diventa sempre più concreta la possibilità di un nuovo scambio di calore lungo i meridiani.
GROSSO: si, nel lungo termine la zonalità viene sempre ridimensionata dai modelli, ma ciò vale anche per le irruzioni d'aria fredda; ci sembra però che gli scambi meridiani, perlomeno durante il mese di gennaio possano ancora prevalere, almeno a tratti, sul flusso zonale. I modelli semplificano troppo la situazione dopo il 5-6° giorno, proponendo scenari spesso standard, cioè che sembrano più votati alla semplice persistenza di una circolazione classica, piuttosto che strizzare l'occhio alle ondulazioni delle correnti in quota. L'esperienza insegna a dubitare di queste evoluzioni che sembrano del tutto statiche.

REDAZIONE: dunque possiamo aspettarci altre sorprese come quella di fine anno?
GROSSO: credo assolutamente di si. Per l'Epifania una bordata gelida colpirà tutto l'est europeo e l'ossessiva sparata zonalità che si scorge subito dopo non è a mio giudizio attendibile.

REDAZIONE: quando dunque potranno intervenire altre sorprese?
GROSSO: il modello europeo già le contempla dal 7 in poi, anche se subito dopo se le rimangia, ma è un segnale, così come lo sono gli abbassamenti e le ondulazioni del flusso perturbato atlantico proposte dal modello canadese, pur nella sua purtroppo modesta attendibilità.

REDAZIONE: e per altre nevicate sulle Alpi quanto si dovrà aspettare?
GROSSO: al momento si vede solo un po' di neve per le vallate di confine più settentrionali tra domenica e lunedì. Se vi saranno ondulazioni sufficientemente marcate delle correnti in arrivo dall'Atlantico la neve potrà farsi sicuramente vedere nel corso del mese. Ricordiamoci che gennaio è lungo, il vortice polare è destinato a subire contorsioni e magari anche divisioni...L'inverno insomma ha altri colpi in canna.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum