Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Grosso: "l'anticiclone scandinavo potrebbe portare freddo anticipato"

Tradizionale intervista al Caporedattore Alessio Grosso.

In primo piano - 21 Ottobre 2011, ore 14.49

REDAZIONE: Grosso, le piogge autunnali classiche sembrano più vicine.
GROSSO: si, è classica anche la configurazione che può portare le precipitazioni a restare bloccate pericolosamente nella stessa zona per più ore o giorni. Con l'alta di blocco ad est, a frenare il passaggio dei fronti, sull'Italia settentrionale sono capitate le peggiori alluvioni. Comunque la situazione di martedì potrebbe evolvere in modo molto più blando e tranquillo.

REDAZIONE: cosa si può dire per il mese di novembre.
GROSSO: si può dire che dovrebbe prendere corpo con sempre maggiore insistenza l'influsso di un anticiclone sulla Scandinavia. In questo modo il Mediterraneo potrebbe trovarsi teatro di scontro tra masse d'aria d'origine diversa, in parte polare continentale fredda, in parte umida e più mite atlantica. In caso di temporanee flessioni anticicloniche anche di affondi settentrionali freddi, in grado poi di isolare depressioni sull'Italia centro-meridionale.

REDAZIONE: dunque un novembre dinamico.
GROSSO: le premesse ci sono tutte, aggiungerei anche un po' freddo, con precipitazioni però da collocare, giacchè molto dipenderà dal posizionamento dei minimi barici.

REDAZIONE: quindi il tipico atlantico con le sue ondulazioni ce lo possiamo scordare.
GROSSO: sono configurazioni del passato che faticano a tornare, anche perchè non è detto rappresentassero la norma. Le vedo peraltro trasferite, almeno parzialmente, nell'ultima parte dell'inverno, quando dopo la classica sparata del getto, da febbraio ad aprile, quando qualche perturbazione riesce nuovamente a raggiungerci da ovest, ma è giusto una considerazione.

REDAZIONE: e l'inverno?
GROSSO: se la figura anticiclonica scandinava si saldasse con quella russa e dovesse davvero mettere radici, è ipotizzabile un inizio stagione con freddo anticipato già da metà novembre e fiocchi anche a bassa quota, chiaro che con il compattamento del vortice polare, come avviene spesso dopo l'Epifania, si farà i conti con una fase più mite e stabile, prima che intervengano le classiche scorribande fredde della seconda parte di stagione in Adriatico. C'è però sempre l'incognita strat-warming, la QBO, il grado di ingerenza della Nina, la SSTA e tutta una serie di altri fattori che potrebbero incidere in maniera anche imprevista, sconvolgendo tutto. Per questo vi invito a prendere ogni affermazione con molta cautela, non solo in questa sede, ma anche altrove.

 


Autore : Redazione di MeteoLive.it

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum