Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

GROSSO: "fine stagione instabile e freddina ma non troppo"

Tradizionale intervista settimanale ad Alessio Grosso.

In primo piano - 5 Febbraio 2009, ore 10.15

REDAZIONE: Grosso, gli esperti si erano sbilanciati per il grande freddo a febbaio, già da qualche giorno lei ed altri avete cambiato idea, cosa non quadra e cosa non vi convince più? GROSSO: innanzitutto, come ho ripetuto più volte non basta un riscaldamento anche notevole della stratosfera per far scivolare il freddo in grande stile dal Polo verso le basse latitudini, men che meno verso il Mediterraneo. Sono necessari molti altri delicati incastri perchè si realizzino condizioni di severo freddo invernale. Incastri che al momento mancano e mancheranno ancora. REDAZIONE: quindi la stagione si chiuderà in modo tutto sommato normale? GROSSO: beh, se per normale intendiamo la classica instabilità di fine inverno con anche alcuni momenti freddi, piovosi e nevosi alle quote basse in montagna allora direi di si. REDAZIONE: cosa sta tenendo lontano il grande freddo dal Mediterraneo? GROSSO: aggiungerei anche dal centro Europa...Ci sono segnali poco incoraggianti dal Pacifico, un vortice polare bloccato sul Canada che invia qualche onda perturbata anche verso di noi. Questo da una parte tiene lontano l'anticiclone, fra l'altro infiacchito dalla scarsa vigoria del sole, dall'altro ne limita però gli allunghi verso nord che aiuterebbero il freddo a trovare la strada per raggiungerci. In più c'è il ramo del getto subtropicale che, stimolato, dalla positività dell'indice QBO, legato alla direzione dei venti stratosferici in loco, non consente alle saccature di muoversi liberamente distorcendole e limitandone gli effetti. REDAZIONE: in sostanza gli scambi meridiani di calore continueranno ma senza che dalla Scandinavia o dalle zone polari possa giungere un contributo freddo di grossa portata. GROSSO: è esatto. Si susseguiranno inserimenti di saccature da nord, passaggi perturbati più o meno intensi, alternati da qualche schiarita. In questo contesto i ghiacciai avranno comunque tutto da guadagnare, forse gli italiani che cercavano una primavera anticipata un po' meno.

Autore : Redazione MeteoLive.it

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum