Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Gradualmente passeremo sotto il tiro delle correnti da nord

Già a partire da mercoledì la nostra Penisola sperimenterà una circolazione settentrionale, che farà migliorare sensibilmente la qualità dell'aria nelle grandi città.

In primo piano - 14 Novembre 2005, ore 11.16

Cambio della guardia sul nostro Paese. Fino ad ora le depressioni sono rimaste arroccate ad ovest e le alte pressioni più ad est. Tutto ciò ha consentito l'instaurarsi di venti meridionali sul Mediterraneo, che hanno mantenuto le temperature abbastanza elevate per la stagione. A partire dalla giornata di mercoledì la situazione tenderà a modificarsi sostanzialmente. L'alta pressione delle Azzorre punterà verso l'Inghilterra e il Mare del Nord. Inevitabile sarà la discesa di correnti settentrionali sul suo bordo orientale, che si faranno sentire anche da noi. Quali gli effetti positivi? In primo luogo la rimozione delle sostanze inquinanti dalle nostre città. Arriverà del vento anche in Val Padana e questo porterà un sensibile miglioramento della qualità dell'aria. Inoltre la stagione andrà avanti, nel senso che arriverà del freddo sulle Alpi, sul versante adriatico e in caso di assenza di ventilazione notturna anche sulle pianure del nord. Quali gli effetti negativi? Beh, l'Europa non è una tavola da biliardo. Madre Natura ci ha dotato delle Alpi alle nostre spalle. Queste in parte possono essere viste come una "protezione", ma per chi aspetta la pioggia o la neve sono una sorta di ostacolo. In poche parole, la neve sul nostro Arco Alpino con questo tipo di correnti non arriva! Inoltre non arrivano nemmeno le piogge in quelle zone dove sono tutt'ora attese. Insomma, le regioni di nord-ovest hanno avuto una grossa occasione con la depressione spagnola del week-end, ma questa situazione purtroppo non è stata sfruttata. Arriverà la neve sull'Italia? Beh, con le correnti da nord così dirette difficilmente la nostra Penisola vede grossi accumuli nevosi. Certo, ci saranno delle nevicate sull'Appennino marchigiano e abruzzese al di sopra dei 700-800 metri, ma non aspettiamoci grandi cose. La situazione, tuttavia, è ancora passibile di cambiamenti. Basta un leggero spostamento della colata fredda per avere effetti diversi, se non opposti, sulle nostre regioni.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 15.32: A1 Milano-Bologna

problema rallentamento sdrucciolevole

Traffico rallentato causa ripristino urgente fondo stradale nel tratto compreso tra Terre di Canoss..…

h 15.25: A9 Lainate-Chiasso

coda

Code per 1 km nel tratto compreso tra Svincolo Di Como Nord (Km. 41,3) e Chiasso-Dogana Di Brogeda..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum