Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Gli anticicloni puntano al Grande Nord; in arrivo l'instabilità di aprile

Uno sguardo alla previsione odierna fornita dal centro di calcolo americano: disegna scenari atmosferici fortemente disturbati che dovrebbero palesarsi proprio in questa mensilità di aprile.

In primo piano - 1 Aprile 2015, ore 17.15

Mappe e modelli di previsione sembrano finalmente orientati verso una soluzione che riporterebbe alla ribalta del Mediterraneo, condizioni crescenti di instabilità, accompagnate tra le altre cose, da valori termici che potrebbero essere INFERIORI alla media del periodo. Continueremo infatti ad avere delle forti aree d'alta pressione arroccate sui settori occidentali europei, una condizione di partenza che favorirà oltremodo la strutturazione di un'azione di blocking nei confronti delle correnti umide e temperate oceaniche.

Blocking, questo sconosciuto, una parola che ormai non si sente nominare da diverso tempo, una configurazione barica che, a seconda dei settori che interessa, può avere conseguenze alluvionali oppure al contrario trascinare il grande freddo sull'Europa, quando quest'ultimo si presenta durante l'inverno, con l'alta pressione distesa lungo i meridiani dell'oceano Atlantico.

Ed è proprio questa particolare tipologia di pattern che sembra preannunciarsi in questo secondo mese di primavera meteorologica. Era nell'aria già da diverse settimane, nonostante il Vortice Polare avesse conservato una struttura straordinariamente compatta anche all'esordio della primavera meteorologica (primo marzo) noi tutti "addetti ai lavori" sapevamo che non sarebbe potuto durare un simile stato di cose. In compenso una vistosa anomalia positiva di geopotenziale centrata in sede iberica, ha resistito tutto questo tempo, tramandandosi dall'inverno alla primavera senza subire nessuna variazione sostanziale.

Giunti ormai all'esordio di aprile, come era prevedibile il Vortice Polare tende a sconquassarsi, minato ed indebolito, oseremo dire "tradito" dal vistoso surriscaldamento della temperatura che prende vita nei piani alti della stratosfera sin verso la sottostante fascia troposferica. L'anomalia positiva di geopotenziale arroccata all'Europa occidentale altro non è che la manifestazione tangibile di un vistoso accumulo di calore che adesso, in conseguenza di vorticità zonali attenuate e di vortice troposferico indebolito, sono libere di sfogarsi verso latitudini più alte, andando così a costituire delle azioni di blocco, così come vengono viste dagli aggiornamenti previsionali di queste giornate.

Sul bacino del Mediterraneo tutto questo porterà ad un aumento graduale dell'instabilità ad opera delle masse d'aria ancora assai fredde, attualmente collocate sull'Europa nord-orientale
. E' interessante osservare come nonostante il periodo sia così avanzato, questo tipo di circolazione che vedrebbe una predominanza di venti nord-orientali a livello medio europeo, sarebbe ancora in grado di trascinare sul Mediterraneo isoterme alla quota di 850hpa (circa 1400 metri) inferiori a 0°C, con punte localmente sino a -5°C sulla Mitteleurope. In pratica "quasi" inverno, la cui sola differenza sarà rappresentata dall'inclinazione dei raggi solari che riusciranno oltremodo a mitigare i valori termici negli strati prossimi al suolo.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum