Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Giovedì e venerdì torna la neve sull'Appennino centrale?

Un impulso freddo scalzerà le correnti miti allargando il raggio d'azione dell'inverno sull'Italia. Tra giovedì e venerdì le zone interne del centro potrebbero tornare dunque a imbiancarsi a partire dai versanti tirrenici.

In primo piano - 29 Novembre 2010, ore 10.53

Quando si parla di irruzioni fredde e di nevicate lungo la dorsale appenninica si pensa subito ai versanti adriatici, maggiormente esposti alle correnti settentrionali. Non sempre però i fatti vanno effettivamente in questo modo. Le masse d'aria che giungono sulla nostra Penisola infatti devono fare i conti con l'aggiramento o lo scavalcamento di diverse catene montuose.

Quello che avverrà tra giovedì 2 e venerdì 3 dicembre è la dimostrazione più lampante che il freddo puo arrivare anche da ovest, dal Tirreno. Se non è la valle del Rodano a buttare aria fredda verso il bacino tirrenico è, come in questo caso, la porta pirenaica di Carcassona.

Qui giocherà senz'altro un ruolo fondamentale la natura della massa d'aria originaria, di tipo artico-marittimo, pur lavorata dal suo stazionamento alle nostre latitudini. Tale stato di cose non permetterà dunque la discesa delle nevicate fino a quote pianeggianti, tuttavia riuscirà a imbiancare l'Appennino centrale fino a quote complessivamente basse, se non collinari.

Per quanto riguarda il dettaglio possiamo anticipare che tra la notte e la mattinata di giovedì 2 i primi fiocchi scenderanno qua e là fin verso gli 800 metri sulla Toscana, ancora oltre i 1000-1200 metri sull'Umbria e lungo le creste di confine marchigiane. Procedendo verso il Lazio e lungo le creste di confine con l'Abruzzo, ci aspettiamo un esordio nevoso solo oltre i 1300-1400 metri. I limiti indicati subiranno ritocchi verso il basso nella seconda parte del giorno, fino a sfiorare quote collinari sulla Toscana. Inizialmente i versanti adriatici rimarranno al riparo, con assenza di precipitazioni e schiarite ancora possibili.

Con la spinta dell'aria fredda però tal Tirreno le nubi riusciranno venerdì a guadagnare anche le zone adriatiche. Ecco i fiocchi cadere a intermittenza su tutto il centro, raggiungendo quote poste tra 500 e 600 metri in Toscana, intorno a 600 sull'Umbria e sui monti sardi, a 800 su Marche e Lazio e fino a 1000 metri in Abruzzo. Si tratterà di precipitazioni complessivamente deboli, tuttavia il Libeccio freddo che vi si accompagnerà darà senz'altro la sensazione di essere entrati ormai a pieno diritto nel cuore dell'inverno.

 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 12.58: A22 Autostrada Del Brennero

coda incidente

Code per 6 km causa incidente nel tratto compreso tra Ala Avio (Km. 179,1) e Affi-Lago Di Garda Su..…

h 12.54: SS36 Del Lago Di Como E Dello Spluga

incidente

Incidente a 790 m prima di Incrocio Abbadia Lariana (Km. 58) in direzione Incrocio Passo Dello Sp..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum