Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Giovedì 16 giugno: FORTE instabilità al nord, SOLLEONE al centro-sud

Ecco quali saranno le caratteristiche dominanti che ci aspetteranno nella giornata di domani, giovedì 16 giugno; dove farà più caldo e dove potrebbero concentrarsi i temporali più intensi?

In primo piano - 15 Giugno 2016, ore 17.15

Una vasta depressione dall'oceano Atlantico entra in conflitto con una altrettanto tenace rimonta dell'anticiclone africano; nel bel mezzo il nostro Paese che, soprattutto nella giornata di domani, giovedì 16 giugno, sperimenterà condizioni atmosferiche diametralmente opposte tra nord e sud Italia. Un ramo molto attivo della corrente a getto attraverserà infatti il Mediterraneo centrale ed i settori centrali d'Europa. All'interno di questo corridoio la ventilazione risulterà particolarmente attiva, risultando quest'ultima la massima espressione tra la forte differenza di temperatura esistente tra le masse d'aria fresche di origine settentrionale oceanica e quelle roventi subtropicali africane.

Tale situazione porterà per le regioni dell'Italia settentrionale, alla creazione di un contrasto molto forte tra l'aria calda portata dall'anticiclone africano e quella fresca proveniente dall'oceano. Questi contrasti potrebbero sfociare nella genesi di manifestazioni temporalesche anche intense che, nella giornata di domani, giovedì 16 giugno, potrebbero essere particolarmente intense.

Il transito di un ramo della corrente a getto, faciliterà inoltre la strutturazione di cumulonembi cosiddetti ad asse obliquo; questi ultimi avrebbero linfa vitale da una notevole aspirazione d'aria caldo-umida dal basso. I cumulonembi avranno così una netta separazione tra la zona impegnata dalle precipitazioni e quella impegnata dal "ricarico" d'aria umida e calda proveniente dai bassi strati dell'atmosfera. A garantire questo apporto di "carburante" per i nostri temporali, un flusso abbastanza teso di Scirocco proveniente dal mar Adriatico sin verso la Valpadana (Veneto e Lombardia).

Ulteriori informazioni su questa dinamica nella giornata di domani, quando commenteremo una possibile evoluzione a scala locale basata sulla previsione dei LAM (Modelli ad area limitata).

Volgendo infine lo sguardo alle regioni meridionali e soprattutto alle due isole maggiori, l'aria calda portata dall'anticiclone africano farà qui innalzare la colonnina di mercurio sino a valori di grande calura. Saranno infatti diversi i settori dove la temperatura potrebbe raggiungere e talora varcare la fatidica soglia dei +40°C. Tra le aree più quotate a detenere tale primato, possiamo citare le zone interne della Sardegna, le zone interne della Sicilia e forse le coste settentrionali con Palermo pronta a sperimentare il vento di caduta (Favonio). Caldo intenso anche sulle zone interne di Puglia e Basilicata.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 15.52: A13 Bologna-Padova

coda incidente

Code per 2 km causa incidente nel tratto compreso tra Bologna Interporto (Km. 7,9) e Ferrara Sud (..…

h 15.51: A1 Bologna-Firenze

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Allacciamento Con Ramo Casalecchio (Km. 195,3) e Sasso Marconi (K..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum