Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

GHIACCIAI: il particolato di carbone e la sabbia del deserto sono una pestilenza!

Il particolato di carbone all'inizio del secolo e l'arrivo di sabbia dal deserto ha agevolato lo scioglimento dei ghiacci. Notizia pubblicata da "La scienze".

In primo piano - 12 Ottobre 2016, ore 16.10

La deposizione di di particolato di carbone ha avuto il suo massimo tra il 1906 e il 1910, raggiungendo un valore otto volte più elevato di quello che caratterizzava l'era preindustriale. Scienziati del Desert Research Institute (DRI) hanno stimato che l’inquinamento atmosferico prodotto dalle industrie nell’emisfero boreale ha prodotto un aumento di sette volte della fuliggine che si è depositata sulle nevi dell’Artico durante gli ultimi decenni del XIX secolo e i primi decenni del ventesimo secolo. Lo studio è stato pubblicato sulla versione on-line della rivista "Science" e firmato da Joe McConnell e Ross Edwards del DRI.

Esso è basato su un nuovo metodo per misurare la fuliggine presente in una carota estratta dalla coltre glaciale della Groenlandia, un parametro che documenta i cambiamenti storici nelle concentrazioni di questa sostanza. Dall’analisi dei dati raccolti risulta che l’influenza della superficie sul clima estivo della regione, dovuto alla deposizione di particolato di carbone, ha avuto appunto il suo massimo all'inizio del secolo scorso. La fuliggine, così come la sabbia del deserto nelle situazioni sciroccali nelle Alpi, trasportata dai venti e depositatasi al suolo riduce la riflessione della radiazione solare – un fenomeno noto come albedo - da parte della superficie ghiacciata, permettendole di assorbire una maggiore quantità di energia solare.

I cambiamenti evidenziati dallo studio, hanno prodotto con tutta probabilità, una maggiore fusione del ghiaccio con la conseguente esposizione del suolo sottostante e un conseguente riscaldamento di tutta la regione a cavallo tra l’800 e il 900.

L’annerimento della superficie da parte della fuliggine, sia di origine naturale, che originata dalla combustione di biomasse e di combustibili fossili, accelera la fusione della copertura di ghiaccio aumentando la sensibilità delle regioni artiche al riscaldamento.

Per le Alpi le situazioni sciroccali, che depositano molta sabbia, favoriscono la precoce fusione delle nevi invernali e durante l'estate nuocciono gravemente al ghiacciaio; è appena il caso di ricordare poi la penuria di precipitazioni nevose che coinvolge ormai il settore alpino tra la primavera e l'estate sino al tardo autunno, altro fattore che ne favorisce l'ablazione.


Autore : Report di Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 21.28: A26 Genova-Gravellona Toce

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Svincolo Di Carpugnino (Km. 181,4) e Svincolo Di Baveno (Km. 189,..…

h 21.26: SS38 Dello Stelvio

catene snow

Neve nel tratto compreso tra Incrocio Delebio (Km. 3,8) e Incrocio Grosotto (Km. 75,5)…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum