Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Gennaio 2020 conserva un'impronta mite ma per quanto?

Uno sguardo alla previsione del modello europeo, per carpire le manovre della stagione invernale nel prossimo futuro.

In primo piano - 3 Gennaio 2020, ore 21.30

Ancora poche le speranze per un risvolto dai chiari connotati invernali nel breve e nel medio termine; le temperature risulteranno spesso sopra le medie, con possibilità di nebbia in Valpadana ed annuvolamenti sparsi lungo i versanti tirrenici, in un contesto asciutto. Dove non ci saranno nubi basse, spesso e volentieri sarà il SOLE ad imporsi senza troppi problemi sulla scena. Nelle sue linee generali, la circolazione atmosferica prevista sull'Europa nei prossimi giorni, sarà caratterizzata da un'impronta molto mite decisamente insolita per il mese di gennaio.

Questa situazione poggia radicci in quelli che sono gli assetti della circolazione atmosferica su larga scala nell'emisfero settentrionale; troviamo Infatti un Vortice Polare molto compatto che impedisce il trasferimento di aria fredda dalle alte latitudini verso la fascia delle medie delle basse latitudini.

Sul nostro continente prevalgono i venti occidentali che trasportano masse d'aria miti dall'oceano Atlantico verso il cuore del continente, dove troviamo anomalie positive di temperatura molto accentuate soprattutto sulla Scandinavia e sui paesi dell'est Europa. La previsione del modello europeo riferita a venerdì 10 gennaio, mette in luce l'intensa attività depressionaria collocata però su di una latitudine assai settentrionale, mentre sull'Europa centrale prevalgono scenari di anticiclone:

 

Questa circolazione potrebbe accompagnarci ancora per un bel po' di tempo, si tratta di un pattern definito di North Atlantic Oscillation di segno positivo, decisamente sfavorevole all'inverno. Questo pattern frutto di un Vortice Polare compatto, è costituito da intense circolazioni di bassa pressione alle elevate latitudini, racchiuse da una "cintura" anticiclonica che coinvolge i paesi del centro e del sud Europa.

Questa situazione potrebbe subire una trasformazione quantomeno parziale a partire dalla seconda decade di gennaio, con una leggera frenata della corrente a getto ed un possibile raffreddamento dell'est Europa. Ecco la previsione del modello europeo riferita a lunedì 13 (affidabilità scarsa):


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum