Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

GELO SIBERIANO: ecco come potrebbe raggiungerci alla fine della prima decade di dicembre

Il Generale Inverno potrebbe decidere improvvisamente di visitarci da nord-est con le sue gelide armate.

In primo piano - 27 Novembre 2007, ore 15.40

Ci eravamo lasciati, nella precedente analisi degli indici teleconnettivi, con la supposizione di una "bomba" fredda entro la fine della prima decade di dicembre. Vediamo adesso dagli aggiornamenti che tale ipotesi sembrerebbe trovare conferma a causa del previsto collassamento del vortice polare troposferico. Ma andiamo ad osservare nel dettaglio la disposizione teleconnettiva emisferica partendo dall'ormai famosa AO(Arctic Oscillation). L'indice illustra un tracollo ad iniziare dai primissimi giorni di dicembre con clusters molto uniti a rafforzare l'ipotesi previsionale. In pratica andremo incontro ad uno split del Vortice polare, mentre al suo posto, sul polo geografico, prenderà forma un forte anticiclone dinamico con valori pressori di oltre 1040hPa. L'iniziale disposizione dei frammenti del vortice polare, vedrebbe l'occupazione del comparto canadese e siberiano di due minimi di geopotenziale con ripresa del flusso zonale in Europa. Successivamente, il movimento antizonale innescato dall'anticiclone polare troposferico, vedrebbe l'instaurarsi di un movimento orario dei vortici splittati. Quello sull'artico canadese tenderebbe così a portarsi sul settore aleutinico, mentre quello siberiano, con movimento retrogado ad indicare un collassamento delle westerlies, si porterebbe in direzione del comparto europeo alla fine della prima decade del mese di dicembre preannunciando una possibile configurazione in NAO neutra e SCAND positivo (anticiclone dinamico scandinavo)con disturbi basso-atlantici. La ripresa convezione nell'area indonesiana avvolora tale ipotesi, con le proiezioni che continuano a vedere un passaggio dell'indice MJO in fase 7, tra l'altro di discreto magnitudo. Piccoli passi in direzione di un'ipotesi gelida e perturbata, ma bisognosa di ulteriori e importanti aggiornamenti tutti da seguire! Come un quadro di Pablo Picasso, osserviamo quindi i movimenti atmosferici, una vera pittura astratta di rara bellezza e di difficile interpretazione.

Autore : Filippo Casciani

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum