Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

GALAVERNA e CALABROSA: assieme alla NEVE, tra le manifestazioni più sublimi dell'inverno

Da non confondere con il gelicidio, la galaverna e la calabrosa, rientrano nella lista degli eventi atmosferici che più di altri sono in grado di suscitare le emozioni dell'inverno. Ecco l'origine di questi fenomeni e le località d'Italia ove è più facile osservarli.

In primo piano - 12 Febbraio 2018, ore 20.10

Sono in grado di avvolgere tutte le superfici, sono costituiti da cristalli microscopici di ghiaccio allungati lungo il senso di provenienza del vento. Talvolta sono in grado di recare danni sia alle infrastrutture, sia alla vegetazione, tuttavia il loro impatto sull'ambiente non è così devastante come il fenomeno della pioggia congelantesi, detta anche "gelicidio". Stiamo parlando della galaverna e della calabrosa, cioè il brinamento in minuscoli cristalli di ghiaccio, della nebbia con temperature sotto gli zero gradi. In questo caso non stiamo quindi parlando di pioggia che congela su un terreno con temperatura negativa, bensì di minuscole goccioline di acqua sopraffusa che, impattando contro gli oggetti, è in grado di aderire sulle superfici, dando origine ad una massa di ghiaccio fibroso oppure cristallizzato.

La sottile differenza tra galaverna e calabrosa, sta tutta nella dimensione delle goccioline sopraffuse della nebbia; queste ultime saranno più grosse ed accompagnate da vento più forte in presenza della calabrosa, più piccole ed accompagnate da venti deboli (ma non assenti) in caso di galaverna.

Anche l'aspetto macroscopico presenta delle differenze; con la galaverna il deposito di ghiaccio si verifica con più tranquillità, sulla superficie degli oggetti troviamo cristalli di ghiaccio ben formati, nella calabrosa il deposito è irregolare e turbolento, le formazioni ghiacciate hanno una forma più irregolare ed i cristalli sono malformati. 

Affinchè il fenomeno possa verificarsi, è quindi necessario avere uno strato d'aria umida con temperature negative, il deposito di ghiaccio risulta amplificato quando abbiamo a che fare con nubi stratificate oppure con nebbie, in questo caso la mancanza di convezione fa sì che la parte più densa di questi banchi nebbiosi o nuvolosi, rimanga a stretto contatto col suolo, oppure con i crinali, accentuando il deposito di ghiaccio sugli oggetti.

Come detto, è altresì necessaria una certa ventilazione, quindi il trasporto efficace di una grossa mole di vapore acqueo su una superficie limitata. Gli oggetti sopraelevati dal terreno risultano degli ottimi "ricettori", specie sulle superfici aguzze o spigolose. 

In quali luoghi d'Italia è più semplice riscontrare questo fenomeno? 

Nelle irruzioni d'aria fredda da nord-est, i crinali a quota elevata dello spartiacque appenninico, risultano tra i settori più esposti. Qui prevale la calabrosa che può dare origine ad accumuli anche nell'ordine dei 20 o più centimetri, creando favolose sculture di ghiaccio!

La Valpadana risulta più esposta al fenomeno della galaverna, anche se negli ultimi anni è divenuta più rara, poichè le temperature associate ai fenomeni persistenti di nebbia, sono risultate spesso positive e questo ha impedito il deposito di ghiaccio sugli oggetti. 

Nelle fotografie qui proposte, l'impressionante accumulo di calabrosa nel pomeriggio di ieri, domenica 11 febbraio, sulla sommità del Monte Maggiorasca, sull'Appennino Ligure di Levante.

Almeno tre giorni di condizioni nebbiose provocate dal "gaigo" che, con la ventilazione nord-orientale, dal versante padano sconfinava verso la costa ligure, ha dato luogo a questo affascinante fenomeno a poche decine di chilometri dalla fascia costiera. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 22.23: A9 Lainate-Chiasso

coda

Code nel tratto compreso tra Svincolo Di Como Nord (Km. 41,3) e Chiasso-Dogana Di Brogeda (Km. 42,3..…

h 22.11: A16 Napoli-Canosa

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Vallata (Km. 104,2) e Lacedonia (Km. 111) in direzione Canosa..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum