Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

G8 e accordi sul clima, niente fumo e tanto arrosto

Hanno generato malcontento nel mondo ambientalista gli accordi intrapresi dal G8 di Hokkaido nei riguardi del nodo clima. Alcune contraddizioni hanno suscitato indignazione anche nel mondo scientifico filo-serrista e generato confusione nell'opinione pubblica

In primo piano - 9 Luglio 2008, ore 10.36

Drastica la presa di posizione dei Grandi del Pianeta sull'argomento "clima": dimezzare le emissioni dei cosiddetti gas serra entro il 2050. Un provvedimento perentorio e concreto che non lascia spazio a margini di trattativa ma che di fatto ha lasciato insoddisfatte le associazione ambientaliste e ha ricevuto addirittura anche critiche senza mezzi termini da parte di Rajendra Pachuri, presidente dell'IPCC e Nobel insieme ad Al Gore. In quale modo si riuscirebbe ad arrivare a questi tagli? Il nostro Premier si distingue per una proposta orientata verso l'utilizzo dell'energia nucleare, con la costruzione di mille nuove centrali nucleari nel mondo. Parallelamente però altri membri del Consiglio mirano al contenimento dei prezzi dell'energia aumentando la produzione di petrolio. Sulla base di questa contraddizione di fondo le associazioni ambientaliste e tutta la schiera di scienziati che sostiene le teorie antropiche dei cambiamenti climatici hanno sollevato un muro di polemiche, bollando come "patetiche" le prese di posizione dei Capi di Stato intervenuti sul problema. La soluzione dal canto suo risulta di difficile attuazione a causa dell'uscita della Cina dagli accordi in un primo tempo sottoscritti ma il problema sollevato dagli ambientalisti è un altro: essi bocciano senza appello la questione in quanto troppo a "lungo termine". Secondo loro, procedendo di questo passo, prima del 2050 il Pianeta sarà già bruciato. In realtà è quanto venne sostenuto anche nell'ormai lontano 1997 in occasione della stesura del Protocollo di Kyoto il quale prevedeva un taglio delle emissioni decisamente più modesto. Nonostante i prevedibili e modestissimi risultati seguiti all'accordo in questione, siamo ancora tutti quanti in attesa di veder concretizzarsi quelle teorie apocalittiche dispensateci ma che finora hanno segnato una sola catastrofe: quella dei catastrofisti.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum