Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

FREDDO e NEVE: ecco dove potrebbero tornare a colpire la prossima settimana

Una massa gelida secondo il modello americano (e non solo) colpirà la regione balcanica, influenzando in parte anche il nostro Paese, segnatamente il medio Adriatico ed il meridione.

In primo piano - 20 Marzo 2019, ore 10.52

Secondo il modello americano non sarà affatto trascurabile il movimento di una massa d'aria gelida sull'est europeo tra martedì 26 e giovedì 28 marzo. Nel suo movimento verso sud essa finirà per influenzare anche la nostra Penisola, soprattutto le regioni più esposte a questo tipo di flusso nord-orientale: cioè Marche, Abruzzo e meridione tutto.                            

Nella giornata di mercoledì 27 marzo un minimo depressionario si andrebbe ad approfondire tra il basso Adriatico e l'Albania, favorendo un sensibile rinforzo dei venti, che diverranno violenti su quei settori, influenzando pesantemente anche lo stato del mare. Le temperature sui Balcani crolleranno sino a -10°C a 1500m, mentre sull'Italia si arriverà forse a -6°C alla stessa quota a ridosso dell'Appennino meridionale. 
Questo si traduce in temperature massime al suolo attorno allo zero su Serbia, Bosnia, Macedonia ed Albania e con valori compresi tra 5 e 8°C sull'Italia meridionale e su quella centrale adriatica.

Ecco le temperature previste nella notte tra martedì 26 e mercoledì 27 a 1500m: venti forti accompagneranno l'afflusso freddo da nord-est.
                                   

La neve potrebbe cadere a quote molto basse in Appennino sul settore marchigiano, abruzzese, molisano, lucano e calabrese per qualche ora tra mercoledì e l'alba di giovedì, sottoforma di tormenta; rovesci nevosi non si possono escludere anche a quote molto basse sulla Puglia ed il Molise, anche con temperature superiori di alcuni gradi allo zero al suolo.

La neve che si innesca da processi temporaleschi non si fa troppi problemi a guadagnare il suolo sospinta violentemente verso il basso delle correnti discendenti presenti in seno alla cella temporalesca.
Ecco le temperature previste a 1500m per le 13 di mercoledì 27 marzo:
                                 

Molto meno importante la portata dell''irruzione fredda sul resto d'Italia: al nord come al solito le Alpi ma anche l' ingombrante presenza dell'alta pressione ne limiteranno sensibilmente gli effetti, così come la schermatura appenninica smorzerà il passaggio del freddo sul versante centrale tirrenico. Farà comunque abbastanza freddo nelle ore notturne, con valori al suolo prossimi allo zero in pianura e sotto lo zero nelle vallate alpine e massime non superiori ai 13°C.

Ecco infine le temperature previste a 1500m nella notte su giovedì 28 marzo:
                                 

L'irruzione fredda terminerà già giovedì al nord e al centro, indugerà sino a venerdì mattina sull'Italia meridionale. In ogni caso, stante la distanza temporale, non mancheranno correzioni di rotta anche notevoli rispetto alla traiettoria della massa d'aria.
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum