Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Freddo ai blocchi di partenza, tutto il satellite minuto per minuto

L'inserimento del corpo estraneo anticiclonico all'interno del vortice polare sta alla base di violenti contrasti in sede artica. Inevitabile lo stillicidio di gocce fredde verso le medie latitudini. Monitoriamo le possibili traiettorie del freddo

In primo piano - 13 Dicembre 2007, ore 10.03

L'anticiclone scandinavo ha destabilizzato l'assetto barico e termico dell'intero comparto euro-atlantico. Il getto risale lungo il lato atlantico della struttura altopressoria procedendo a singhiozzo con pulsazioni successive che favoriscono l'invorticamento dell'aria all'altezza del mare di Barents, laddove le correnti subiscono il giro di boa verso le medie latitudini. Dei tre in formazione sono almeno due i nuclei depressionari destinati l'Italia: il primo, colmo di aria polare continentale, è giunto mercoledi e si è posizionato tra il medio Adriatico e i Balcani scivolando poi verso sud-est (cerchio contrassegnato con il numero 1). La sua collocazione iniziale è risultata leggermente più settentrionale rispetto a quanto previsto dai modelli, da qui la nuvolosità che ha insistito per l'intera giornata di ieri anche sul nord-est. Il secondo (cerchio numero 2), colmo di aria artica, è partito questa notte dal mare di Barents e giungerà nella notte su venerdi a ridosso del basso Adriatico (anche se la sua traiettoria potrebbe zigzagare sorprendendoci con risvolti dell'ultim'ora). I due nuclei si fonderanno nel fine settimana in un unica struttura che insisterà in loco fino a tutta domenica. Nel frattempo un terzo impulso (cerchio numero 3), anch'esso di origine artica, scivolerà lungo il canale depressionario apertosi sull'est europeo compiendo un percorso più largo nel corso del quale perderà parte della sua energia. Abbiamo parlato di gocce fredde, cosa vuol dire? Semplicemente che non dobbiamo attenderci un raffreddamento immediato all'arrivo dei venti di bora e grecale ma solo dopo il rovesciamento dell'aria gelida presente soprattutto in quota. Da qui l'instabilizzazione atmosferica e le conseguenti nevicate che potranno raggiungere anche i litorali del versante adriatico posto sopravvento all'Appenino. Da non sottovalutare che se il posizionamento del secondo nucleo freddo, quello più attivo, seguisse pari pari la traiettoria del precedente potrebbero crearsi le condizioni favorevoli per alcune nevicate anche sulle pianure del basso Piemonte, dell'Emilia e sulle Dolomiti tra sabato sera e lunedi mattina. Va delineandosi dunque una evoluzione delicata che impone aggiornamenti costanti. Noi vi offriremo passo passo tutte le informazioni necessarie per comprendere in tempo reale gli intriganti risvolti di questo inizio d'inverno.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 17.58: A14 Ramo Casalecchio

coda rallentamento

Code causa traffico intenso a Bologna Casalecchio (Km. 0,8) in entrata in entrambe le direzioni d..…

h 17.57: A14 Ramo Casalecchio

coda rallentamento

Code causa traffico intenso nel tratto compreso tra Allacciamento A14 Bologna-Taranto (Km. 5) e All..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum