Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Forte irruzione artica in arrivo, freddo e tanta neve al centro-sud

In primo piano - 8 Gennaio 2019, ore 17.09

Il centro-sud si prepara a fare i conti con la quarta perturbazione di questo inizio di gennaio, come raramente è successo negli ultimi anni, mentre il nord si ritroverà per l'ennesima volta a secco di precipitazioni. Insomma una situazione alquanto strana ed ovviamente dannosa soprattutto per l'arco alpino dove le nevicate importanti latitano da oltre 2-3 settimane. Discorso diverso per i versanti esteri delle Alpi che risultano letteralmente sommersi dalla neve a causa del fenomeno dello "stau", proprio indotto dalla persistenza delle correnti fredde settentrionali che si schiantano sulle Alpi per poi aggirarle ed invadere il centro-sud Italia.

La nuova perturbazione in arrivo è di origine artico-marittima e risulta essere un po' meno fredda rispetto a quella giunta la scorsa settimana che, ricordiamo, è stata in grado di portare la neve sino in pianura al centro-sud. Tuttavia la presenza di temperature meno fredde sarà compensata da un sensibile incremento delle precipitazioni che si affacceranno su gran parte dell'Italia centro-meridionale tra domani e venerdì.

L'aria fredda artica scaverà, nelle prossime ore, una profonda bassa pressione nel mar Tirreno che sarà in grado di generare piogge diffuse e temporali su numerose regioni del centro-sud, in particolare Lazio, Campania, Calabria, Sicilia, Basilicata, Puglia, Umbria e Abruzzo. L'aria fredda si insinuerà sin verso le basse quote e permetterà l'arrivo della neve, tra mercoledì 9 e giovedì 10, sin verso le quote di bassa collina su Marche, Abruzzo, Molise e Lazio (oltre 200-300 metri) e oltre i 500 metri su Puglia, Campania e Basilicata. Localmente, nelle zone interne campane, la neve potrebbe scendere anche sin verso i 300 metri mentre sull'Abruzzo la neve potrebbe presentarsi sin verso i 100 metri (ovvero in pianura).

Venerdì 11 il vortice di bassa pressione si sposterà verso i Balcani ma la sua ritornante potrebbe raggiungere nuovamente le regioni del sud e del basso Adriatico favorendo nevicate sin verso i 200-300 metri di altitudine tra Molise, Puglia e Basilicata. Altrove il tempo tenderà gradualmente a migliorare.

TANTA NEVE IN APPENNINO

A questo giro le coste e buona parte delle pianure italiane non saranno interessate dalla neve mentre saranno proprio colline e montagne a fare il pieno. Tra Abruzzo, Lazio, Umbria, Puglia, Basilicata e Calabria sono attese abbondanti nevicate nei prossimi 2-3 giorni specie oltre i 600-700 metri di altitudine. Gli accumuli potranno superare facilmente i 20-30 cm sull'Appennino centrale e addirittura i 50-60 cm su quello meridionale, specie tra Basilicata e Calabria oltre i 900/1000 metri di quota (Sila e Pollino in pole).

NORD A SECCO DI PRECIPITAZIONI

In tutto questo trambusto, le regioni del nord staranno nuovamente a guardare. La presenza dell'alta pressione delle Azzorre così vicina al Mediterraneo impedirà l'ingresso occidentale delle correnti fredde e pertanto queste saranno costrette ad interessare solo le regioni del centro-sud, per l'ennesima volta. Al nord solo tanto freddo specie di notte, nebbie e clima generalmente secco senza piogge o nevicate. 

Per un cambio significativo bisognerà attendere la metà del mese, quando inizieranno forse a vedersi gli effetti parziali del potente riscaldamento stratosferico avvenuto nelle ultime settimane.


Autore : Redazione MeteoLive.it

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum