Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Fiume di correnti da ovest nel week-end: cosa comporterà?

Il fine settimana italiano sarà caratterizzato da una spazzolata di venti occidentali che attraverseranno tutta la penisola portando effetti diversi a seconda delle rispettive aree climatiche italiane. Che tempo attenderà il nostro Paese nel prossimo week-end?

In primo piano - 31 Ottobre 2013, ore 11.30

Nelle ultime settimane a livello emisferico abbiamo assistito ad una graduale migrazione dell'attività ciclonica tipicamente legata al ricompattamento del Vortice Polare dai settori euroasiatici a quelli nord-atlantici e canadesi. Questa situazione ha comportato un graduale cambiamento di pattern con l'attivazione delle consuete vorticità che hanno trasferito il loro centro motore sull'angolo nord-occidentale del vecchio continente. 

La circolazione atmosferica italiana è stata direttamente influenzata dalla strutturazione e conseguente approfondimento di una "cintura" depressionaria direttamente alimentata da aria artica che in questo momento imperversa sui settori atlantici a ridosso dell'Europa occidentale. La circolazione a livello italiano è diventata così prevalentemente meridionale, innescando la formazione di numerosi temporali, alimentati ancora dal calore accumulato durante la stagione estiva appena passata. 

Nel prossimo fine settimana questa situazione andrà esasperandosi ulteriormente, sancendo così l'avvio di una seconda fase in cui il getto atlantico diverrà così teso (AO++) da non consentire ondulazioni esasperate del getto alle medie latitudini. L'avvio di questa fase, comporterà sull'Italia una maggiore azione "occidentale" dei venti in quota che porteranno effetti molto diversi sul territorio. Una di queste fasi, forse la prima della stagione, caratterizzerà lo stato del tempo sull'Italia già durante il prossimo week-end. 

Che tipo di tempo riscontreremo sul Paese tra sabato 2 e domenica 3?

In queste due giornate, una saccatura poco pronunciata in seno ad un fitto letto di correnti occidentali, attraverserà di gran carriera l'intero stivale italiano, portando effetti soprattutto sulle regioni centrali e settentrionali del Paese.

Sabato due novembre: questa giornata risulterà complessivamente la migliore. Il tempo reggerà e gran parte delle regioni italiane saranno in una situazione "di attesa". Una volta esaurite le forze della depressione ancora in atto sui mari meridionali italiani, la ventilazione nei bassi strati tenderà ben presto a ritornare meridionale lungo tutti i versanti tirrenici, determinando un nuovo aumento della nuvolosità soprattutto sull'alto Tirreno ed il mar Ligure. Si prospettano quindi nuove nubi invadere i settori liguri e toscani già nella giornata di sabato, associati a probabili precipitazioni durante lo stesso pomeriggio. Addensamenti compatti anche su basso Lazio e Campania, anche qui associati a sporadiche precipitazioni.  Altrove la situazione sarà di attesa, con un tipo di tempo ventilato, mite ed asciutto che caratterizzerà i versanti adriatici della penisola. 

Domenica tre novembre: in questa giornata la parte fredda della depressione si avvicinerà con gran rapidità all'Italia, determinando un accentuazione dell'instabilità con l'arrivo di precipitazioni corpose dapprima lungo le aree alpine, con precipitazioni soprattutto sui versanti esteri e lungo i settori confinali. Su questi settori la quota neve sarà in calo e potrà portarsi sino ai 1500 metri, sulla Valle d'Aosta i fiocchi potrebbero spingersi sino a 1200 metri.

Seguirà un passaggio piovoso abbastanza importante anche sulla Liguria di levante, nonchè sui settori nord-orientali italiani. La ventilazione sarà tipicamente di Libeccio, soffiando decisa tra il medio Tirreno ed il mar Ligure. Il Libeccio renderà i cieli spesso nuvolosi lungo tutto il versante tirrenico. 

Tempo decisamente migliore sui versanti orientali della penisola, addirittura tra medio ed alto Adriatico potrebbe avvenire un breve episodio di Garbino, con atmosfera secca e surriscaldamento della temperatura imposto dalla ventilazione sud-occidentale che scavalcando l'Appennino porterà un effimero riscaldamento della temperatura. Il tempo migliore sarà prerogativa delle estreme regioni meridionali (Puglia, Basilicata, Sicilia) mentre addensamenti sparsi caratterizzeranno il tempo della Sardegna. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum