Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Fine settimana: velenosa fase di maltempo in vista per le Isole Maggiori

Una strozzatura del sacco depressionario atlantico rilascerà sui nostri mari di ponente una goccia fredda che sopravviverà grazie ad una marcata iniezione di vorticità alle quote superiori e ad una risposta termodinamica dal basso esaltata dalle calde acque del mare.

In primo piano - 25 Ottobre 2011, ore 14.03

 Sono quelle situazioni che preludono a intense fasi di maltempo autunnale. La dinamica  evolutiva che, a cavallo del prossimo fine settimana, porterà sulle nostre Isole Maggiori un deciso peggioramento delle condizioni atmosferiche sarà semplice e, anche per questo, diretta e coinvolgente.

Tutto partirà da una autentica strozzatura cui verrà sottoposta una saccatura atlantica. Un ramo secondario della Corrente a Getto Polare si staccherà dal flusso principale proprio nel settore dei massimi di vento e genererà un minimo di pressione a tutte le quote sulla Penisola Iberica. Una volta abbozzato, il minimo verrà appunto strozzato ai lati da due lembi anticiclonici e si rinvigorirà grazie alla mutua amplificazione tra l'intensa vorticità ciclonica presente in alta quota in virtù del drift del Getto (ovvero della sua componente rotazionale) e alle forzanti termodinamiche che si creeranno alle quote medio-basse sottovento ai Pirenei.

Il vortice così costituito andrà a sfogare la sua energia dapprima sulla Sardegna nel corso della giornata di sabato (in particolare dal pomeriggio), poi investirà la Sicilia nella giornata di domenica, quando avrà ulteriori fenomeni da destinare ancora alla Sardegna. Insomma una due giorni davvero da bollino rosso.

Le zone che potrebbero venir colpite con maggior probabilità dai fenomeni più intensi, parliamo di forti temporali a locale carattere di nubifragio, saranno in particolare il Cagliaritano e l'Iglesiente in Sardegna, mentre per la Sicilia menzioniamo il Trapanese, l'Agrigentino, la provincia di Caltanissetta, il Ragusano e il Siracusano. Non si esclude la possibilità che nella notte su domenica il vortice in mare aperto degeneri in una struttura a cuore caldo (quindi di tipo tropicale) tra i Canali di Sardegna e di Sicilia.

Senz'altro una situazione da monitorare attentamente. Da parte nostra seguiremo passo passo l'evoluzione del sistema. Non vi rimane che tenervi aggiornati sulle nostre pagine.  


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum