Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Fine settimana molto ventoso, attenzione alle mareggiate

L'aria fredda sospinta dalla saccatura in arrivo dal nord Atlantico irromperà in parte dalla porta del Rodano sfociando sui nostri bacini occidentali con forti raffiche di Maestrale. Vento forte atteso anche sulle Alpi e al largo lungo l'Adriatico.

In primo piano - 2 Ottobre 2008, ore 10.11

Per questo fine settimana il mare sarà meglio guardarlo solo da debita distanza. L'irruzione fredda proveniente dal nord Europa si presenterà con tutta la sua furia tra venerdì e la prima parte di domenica. Chi in quei giorni si troverà a lavorare in mare aperto imbarcato sulle navi di linea avrà a che fare non solo con la forza del vento in sè stessa ma soprattutto con l'improvvisa e repentina rotazione delle correnti al momento del passaggio della perturbazione. Particolarmente interessati da questo fenomeno di "veering" i bacini occidentali. Da una parte il mar Ligure, agitato dai venti di Libeccio che imperverseranno rinforzati a tergo dal Maestrale in fase di lancio sul golfo del Leone, andrà migliorando le sue condizioni grazie alla rotazione del vento che porrà il bacino al riparo delle coste. Dall'altra il mar di Sardegna e il Tirreno, sferzati dal Maestrale, potranno presentarsi in condizioni davvero proibitive. Il vento giungerà con raffiche sempre più rabbiose e fredde sulla Sardegna già nel primo pomeriggio di venerdì, mentre in parallelo la rotazione del vento interesserà anche l'alto Tirreno, dove si formerà anche un minimo orografico sottovento alla Corsica. Solo in serata lo sblocco di questo intoppo permetterà al Maestrale di raggiungere anche le coste tirreniche centrali e a seguire quelle meridionali, dove il moto ondoso aumenterà rapidamente fino a burrasca. Sabato sarà la giornata peggiore, con forti venti nord-occidentali a sferzare le isole Maggiori e il Canale di Sicilia. Vento e moto ondoso aumenteranno progressivamente anche lungo l'Adriatico con il nodo cruciale del Canale d'Otranto che si presenterà in cattive condizioni. Per questi motivi si potranno verificare ritardi e qualche disagio alla navigazione marittima di linea, soprattutto per quanto riguarda i collegamenti con le isole minori.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum