Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

FINE MESE: la "questione perturbata" non è ancora chiusa

Ancora incertezze previsionali sui possibili risvolti perturbati per la fine del mese. Cerchiamo di fare un po' di chiarezza.

In primo piano - 16 Febbraio 2015, ore 10.26

Che succede al nostro inverno? Tenderà ad eclissarsi a fine mese con un finale inglorioso oppure riuscirà a proporci una nuova zampata perturbata? Da giorni gli addetti ai lavori stanno cercando di decifrare i messaggi che ci arrivano della elaborazioni modellistiche, ma al momento la tendenza che potrà seguire il tempo a cavallo tra febbraio è marzo risulta ancora poco chiara.

Le "labilità" dei modelli nel riuscire ad essere "ficcanti" nel medio e lungo termine è emersa soprattutto negli ultimi due giorni. Il peggioramento atteso per il prossimo fine settimana sembra essere sbucato dal nulla.

Fino alla giornata di sabato sembrava che il ponte anticiclonico sull'Europa centrale dovesse reggere fino a data da destinarsi; nelle ultime ore è arrivata la sorpresa, sottoforma di un nuovo elemento di disturbo ai progetti di un'eventuale primavera anticipata sullo Stivale.

Un'entrata dalla Valle del Rodano che potrebbe avere ripercussioni anche in futuro, con una maggiore destabilizzazione degli assetti barici su tutto lo scacchiere europeo e atlantico.

La cartina poco sopra è un'ipotesi alternativa del modello americano valida per l'ultimo sabato del mese. Il ventaglio di possibilità vagliate dai 20 run perturbatori del modello americano per la fine di febbraio ci mostra molte situazioni di questo tipo, alternate ad emissioni decisamente più morbide e meno inclini all'arrivo del maltempo sull'Italia.

Volendo quantificare il tutto con percentuali, al momento l'ipotesi di una fine del mese all'insegna del tempo perturbato e a tratti piuttosto freddo resta probabile al 60%, il restante 40% è invece a favore di una situazione maggiormente improntata alla stabilità.

Il peggioramento atteso nel prossimo fine settimana potrebbe essere l'ago della bilancia per le possibili evoluzioni future, che NON sono scontate come può sembrare al momento. Seguiamolo quindi con molto interesse...


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum