Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Fine mese: freddo si o freddo no? Andiamo a scovare l'impossibile...

Di non facile discernimento per le vie canoniche, data la complessità del quadro attuale, occorre sfoderare ulteriori e più sofisticati metodi per giungere ad un primo responso. Per ora si conferma una fase più fredda e anche perturbata per fine mese ma dopo...

In primo piano - 15 Novembre 2012, ore 09.00

 Per andare oltre la complessità della circolazione generale emisferica attuale e planare su uno scenario verosimile nel lungo termine, occorre disporre di particolari strumenti diagnostici al di là delle solite carte deterministiche e probabilistiche. Vi risparmiamo la spiegazione di questi metodi, per giungere subito al succo del discorso.

Ora: che la circolazione atorno al Polo Nord sia disturbata è un dato di fatto. Lo sarà ancora almeno per una decina di giorni, pur con l'attuale temporaneo ricompattamento. Ne deriva che la Corrente a Getto polare seguiterà a fasi alterne a serpeggiare lungo i meridiani portandoci al cospetto di diversi episodi perturbati.

Il tutto si è svolto e si svolgerà ancora almeno sino al 23-25 novembre in un contesto complessivamente mite per la stagione. Per il freddo dunque manca qualcosa. Ebbene il primo treno invernale che l'atmosfera non deve perdere è l'occasione di fine mese. L'erigersi di due blocchi anticiclonici sentinella, l'uno sull'Atlantico e l'altro tra Medio Oriente e Russia favorirà l'affondo di una saccatura polare proprio in direzione dell'Europa occidentale e dell'Italia.

In quella occasione, a cavallo di fine mese, potremo assistere pertanto a condizioni di tempo a tratti anche perturbato, con temperature in calo e limite delle nevicate che riuscirà a guadagnare qualche centinaio di metri verso il basso, soprattutto al nord e in parte anche al centro. Insomma, a conti fatti, una prima buona invernata. Da parte nostra supportiamo la tesi analizzando un particolare diagramma che ci calcola la velocità di fase dei treni d'onda. 

In altre parole (vedi figura) notiamo che l'ultima settimana di novembre sarà caratterizzata da una evidente anomalia del geopotenziale (bassa pressione) lungo il meridiano di Greenwich. L'anomalia è la fisica conseguenza del transito di un treno d'onda che partirà intorno al 23-25 novembre dal pieno Pacifico per goingere sui nostri cieli intorno al 26-27 novembre. Subito ad est della nostra longitudine media vedremo nel frattempo scomparire l'anomalia anticiclonica (blocco russo cui accennavamo prima) e immaginiamo pertanto l'avanzata del blocco depressionario direttamente tratto dal vortice polare verso il Mediterraneo.

Il tutto si dovrebbe poi esaurire nei primi giorni di dicembre, allorquando potrebbe subentrare qualche interferenza da parte dei processi in atto alle alte quote, ed esattamente nella stratosfera, dove si va concretizzando un particolare evento. Vuoi sapere di cosa si tratta? Te lo spieghiamo qui http://meteolive.leonardo.it/news/Sotto-la-lente/9/Freddo-a-dicembre-ecco-i-pro-e-i-contro/39455.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum