Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ferragosto bagnato o Ferragosto con il solleone?

Proviamo a tracciare una linea di tendenza su quale potrebbe essere il comportamento atmosferico durante il mese di agosto. Le correnti fresche ed instabili atlantiche riusciranno a far breccia nel Mediterraneo dando origine ad un break oppure continueremo sull'attuale falsariga?

In primo piano - 7 Agosto 2012, ore 17.00

Passata la veloce ondulazione che ieri pomeriggio ha portato un violento temporale in fuga verso est dal Piemonte alla Lombardia, quest'oggi almeno al nord ritroviamo un tipo di tempo diverso. L'aria più movimentata atlantica ha temporaneamente avuto la meglio portando un tipo di tempo più gradevole e ventilato segnatamente al settentrione.

Si tratterà tuttavia di una fase di breve durata. Già nella seconda metà della settimana infatti, giungerà sul Mediterraneo una nuova rimonta anticiclonica che stavolta prediligerà i settori occidentali della penisola. A provocarla l'isolamento di un cut-off a largo del Portogallo.

Questa rimonta anticiclonica che investirà principlamente il Mediterraneo centro-occidentale e la Francia, avrà tuttavia vita breve. Già dalla giornata di domenica 12 agosto il cuneo anticiclonico andrà affievolendosi grazie all'arrivo di aria più fresca da est che dall'Europa orientale muoverà in direzione dell'Italia e dei Balcani.

Questo comporterà con ttuta probabilità un'accentuazione della  tendenza temporalesca soprattutto sui rilievi appenninici. Al tempo stesso il cut-off portoghese verrà riagganciato da un nuovo affondo ciclonico in aperto Atlantico facendo il suo ingresso sull'Europa occidentale ed il territorio francese.

Ad oggi quello che emerge dai principali modelli di previsione è una reiterata difficoltà da parte delle perturbazioni atlantiche di guadagnare il loro spazio sul Mediterraneo. Secondo uno schema che va tanto di moda negli ultimi anni, depressioni e anticicloni seguono una logica prettamente "meridiana", un meccanismo che agevola oltremodo gli scambi di masse d'aria lungo i meridiani ma con scarsi movimenti di zonalità.

La zonalità è rappresentata da tutti quei movimenti delle masse d'aria da ovest verso est che hanno reso decenni come gli anni 90' molto dinamici dal punto di vista meteorologico.

L'aria fresca atlantica anche per il giorno di Ferragosto pare voglia restare non troppo lontana dalle sue zone di origine. Ancora una volta penisola Iberica, Francia e Regno Unito "in pole" per ricevere gli effetti di questa persistente azione ciclonica e quindi interessate da temporaneamente da tempo instabile, a tratti piovoso e fresco.

L'Italia dal canto suo si verrà molto probabilmente a trovare nella zona di influenza (il settentrione) tra l'alta pressione che insisterà sul Mediterraneo (bel tempo) e l'influenza delle basse pressioni appena al di la delle Alpi (tempo instabile) in un contesto dove sarà ancora l'anticiclone (il bel tempo) a possedere la fetta di territorio più grande.

Previsione da confermare. Seguite gli aggiornamenti dei prossimi giorni.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum