Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Fermento negli oceani tropicali, uragani in serie sulle acque messicane

Sono ben tre le strutture cicloniche di tipo tropicale che spiraleggiano sia sul lato pacifico che su quello atlantico all'altezza del Messico. Analizziamo la situazione in tempo reale e quella prevista per i prossimi giorni.

In primo piano - 28 Giugno 2010, ore 10.53

Dalle immagini satellitari non sono molto evidenti, tuttavia questi tre vortici spiraleggiano minacciosamente sulle acque intorno al Messico con tutto il loro minaccioso potenziale. Celia, Darby e Alex. Ecco i tre moschettieri che si spartiscono le energie rilasciate dalle acque tropicali, in verità un po' in anticipo sui tempi "regolamentari" previsti per questo tipo di eventi.

Celia, uragano ormai in fase di senescenza, ha già sparso il terrore sul Pacifico al largo delle coste occidentali messicane, fortunatamente senza interessare terre emerse e zone abitate. La sua potenza di picco, sprigionata tra giovedì 24 e venerdì 25, ha raggiunto la categoria 4 su una scala di 5. Ora la sua magnitudo è scesa drasticamente e la struttura è stata declassata a semplice depressione tropicale alla deriva nel Pacifico.

Sorte del tutto simile per quanto riguarda il collega Darby, originatosi sul pozzo caldo pacifico che ha originato anche Celia. Dopo aver raggiunto la sua massima magnitudo pari alla categoria 3 nella giornata di venerdì 25, ora è stata declassato a semplice depressione tropicale, nonostante la sua spirale ruoti ancora su acque molto calde e favorevoli al suo mantenimento. Mantenimento che si spera non avvenga dato che il vortice si sta dirigendo velocemente verso il popolatissimo Guatemala.

Non c'è due senza tre: ecco allora Alex, struttura vorticosa figliata dalle tiepide acque atlantiche. Dopo aver attraversato la penisola dello Yucatan nella giornata di domenica, con la magnitudo di tempesta troopicale, la sua struttura si è rinvigorita transitando sulle calde acque dei Caraibi e ora ha raggiunto la categoria di uragano con magitudo di 2 su una scala di 5.

Anche se la sua potenza non è trascendentale, il fatto che il vortice punti dritto verso le coste nord-orientali messicane preoccupa non poco, dato che intorno al 1° luglio potrebbe impattare la terraferma in una zona densamente popolata, quella al confine tra il Texas e la Sierra Madre Orientale.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 14.42: A12 Genova-Rosignano

coda rallentamento

Code causa traffico intenso nel tratto compreso tra Genova Est (Km. 4,2) e Allacciamento A7 Milano-..…

h 14.40: A4 Milano-Brescia

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo Sesto San Giovanni-Viale Zara..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum