Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Evoluzione medio-lungo termine: freddo e neve duri a morire

Si avrà comunque un generale miglioramento del tempo tra lunedì e martedì, ma rialzo delle temperature piuttosto lento e graduale. In seguito correnti da nord, con Favonio in val Padana, mentre altra aria fredda scivolerà lungo l'Adriatico. Possibile peggioramento al nord dopo lunedì 20.

In primo piano - 12 Febbraio 2012, ore 10.00

 Rimarrà ancora protagonista per 36-48 ore l'ondata di gelo e neve che ormai da due settimana ha fatto suo il continente europeo e anche l'Italia. Tra lunedì e martedì i fenomeni targai made in Italy tenderanno a concentrarsi al meridione, dove avremo ulteriori occasioni per nevicate a quote basse, mentre sul resto del Paese si andrà incontro ad un netto miglioramento, con ritorno a grandi mani del sole.

L'aria fredda che ancora verrà risucchiata dal vortice presente sui nostri mari meridionali manterrà le temperature ancora su valori bassi, mentre il lento rialzo delle stesse è previsto nel corso della settimana. Frattanto un ulteriore nucleo di aria fredda (contrassegnato in mappa con il numero 1) si metterrà in moto dal Mar Glaciale Artico verso la regione scandinava, con l'intenzione di agganciare il minimo mediterraneo, ma nella sua progressione si opporrà un braccio di ferro con l'alta pressione, in fase di consolidamento lungo i meridiani atlantici.

Tutto si risolverà con qualche nevicata sui versanti nord-alpini e una sventagliata sui settori adriatici ma senza fenomeni importanti, se non qualche rovescio al meridione tra mercoledì e giovedì. Sul finire della settimana uno strappo di vento da parte della Corrente a Getto risucchierà una propaggine dell'alta pressione verso il Mediterraneo occidentale, ponendo le basi per un ulteriore miglioramento del empo anche sull'Italia.

Ma ancora una volta i progetti dell'alta pressione verranno interrotti dalla calata di un nuovo profondo nucleo depressionario polare di origine groenlandese (contrassegnato in mappa con il numero 2) che potrebbe complicare le condizioni del tempo sull'Italia a partire da lunedì 20, martedì 21 febbraio. Avemo tempo di riparlarne nei nostri prossimi aggiornamenti.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 00.30: A8 Milano-Varese

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Barriera Di Gallarate Nord (Km. 31,9) e Varese (Km. 42,6) in entr..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum