Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

ESTATE 2015: ecco come portrebbe concludersi...

Impressioni personali su una stagione la cui risoluzione non appare scontata.

In primo piano - 4 Agosto 2015, ore 09.00

L'estate 2015 verrà con tutta probabilità ricordata come una delle più calde dell'ultimo decennio. Questa stagione ha presentato diverse eccezionalità; la persistenza delle configurazioni anticicloniche può essere paragonata solo al 2003, la cui unica differenza sino a questo momento è stata rappresentata dalla durata della fase calda. Mentre l'estate del 2015 è stata infatti caratterizzata dall'esordio della calura nel mese di luglio, l'estate del 2003 presentò all'appello l'esordio precoce della stagione estiva già nelle mensilità di aprile/maggio, quando l'Italia venne coinvolta da temperature già elevate nel cuore della primavera. Nel solo mese di maggio le temperature furono nell'ordine dei +25°C/+30°C, mitigati soltanto lungo le coste dalle superfici marine ancora fredde dall'inverno. 

La stagione estiva 2015 è esordita tutto sommato in linea col calendario
, il caldo (intenso) ha fatto capolino sul nostro Paese nelle mensilità adatte ad accoglierlo, riferendoci quindi a luglio e adesso anche agosto che, stando alle attuali proiezioni, sembrerebbe seguire le orme della mensilità appena trascorsa. Le anomalie termiche positive hanno fatto registrare record di tutto rispetto, e l'egemonia imposta dall'anticiclone africano, "scandisce" i ritmi di questa estate.

Impressiona e non poco (noi previsori) la persistenza di tale configurazione barica anche nel mese di agosto che, grazie all'accorciamento delle giornate, dovrebbe presentare i primi cambi di assetto nell'impostazione generale delle figure bariche sullo scacchiere europeo. Nulla di tutto questo, l'anticiclone africano, spesso e volentieri in connubio con l'alta delle Azzorre, seguiterà a plasmare la circolazione atmosferica della prima metà di agosto che vedrà scarse o nulle variazioni di palinsesto rispetto alla sinottica attuale. 

Iniziamo pertanto a domandarci in quale modo possa concludersi questa stagione, dando per scontato che anche se la natura non lo vorrebbe, la fisiologica diminuzione della durata del giorno, dovrà prima o poi modificare l'assetto termodinamico dell'atmosfera e della relativa circolazione in ambito europeo ed emisferico. Un cambio di circolazione che potrebbe rivelarsi molto diverso da quello che è l'immaginario comune relativo all'autunno come stagione piovosa per antonomasia, fatto di eventi perturbati che, a maggior ragione di un'estate calda come quella attuale, potrebbero sfociare addirittura in episodi alluvionali. 

In realtà nessuno esclude che l'autunno meteorologico possa invece essere caratterizzato da correnti prevalentemente settentrionali, con una diminuzione fisiologica della temperatura attuata proprio da questa ventilazione ed il calore immagazzinato dal mare e dall'atmosfera, disperso lentamente sotto i colpi di una ventilazione settentrionale oppure orientale, progressivamente più fredda. Un'ipotesi per nulla campata per aria e da non sottovalutare. 


 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum