Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

ENERGIE ALTERNATIVE: Con il progetto ITER la fusione nucleare sembra più vicina!

Al via il progetto ITER, un impianto sperimentale per la fusione nucleare frutto di un'intensa attività di ricerca e sviluppo condotta in numerosi centri di ricerca internazionali.

In primo piano - 19 Gennaio 2007, ore 14.25

All'inizio degli anni Settanta gli esperti del settore nucleare ritenevano molto ragionevolmente che nel giro di uno o massimo due decenni la fusione termonucleare avrebbe provveduto ovunque al fabbisogno di potenza elettrica e sarebbe stata ampiamente utilizzata anche nelle applicazioni industriali dirette. L'energia di fissione era considerata di conseguenza una soluzione transitoria, non tanto per i presunti rischi, quanto per i costi derivanti dalla sicurezza e dallo stoccaggio delle scorie. Il vero nucleare sarebbe dovuto essere la fusione, perché i grandi vantaggi tecnici ed economici che presenta sono evidenti. A quell'epoca Lyndon LaRouche costituì la Fondazione per l'Energia di Fusione, a cui aderirono ricercatori famosi, allo scopo di promuovere gli spunti più originali ed innovativi della ricerca ed in particolare favorire una fruttuosa coordinazione tra i diversi approcci, dato che alcuni dei problemi affrontati rappresentano una vera e propria sfida alle concezioni vigenti della fisica. Mentre LaRouche proponeva di bruciare le tappe con un "programma d'urto", la generale tendenza al post-industriale dell'ultimo trentennio ha decretato una costante riduzione dei fondi alla ricerca, relegando la fusione tra le curiosità delle fonti di energia alternative come l'eolica e la solare. I vantaggi della fusione: - E' la forma più "concentrata" di energia che si conosca, e per questo motivo prospetta tutta una serie di nuove applicazioni dirette oltre alla produzione di potenza elettrica. (Prima tra tutte la propulsione spaziale). - E' l'energia più pulita che si conosca, non avendo scorie radioattive nè dispersione termica apprezzabile - E' l'energia più sicura, in quanto ogni interferenza nel processo di fusione conduce inevitabilmente allo spegnimento della reazione - Come tecnologia matura sarà realizzabile quasi ovunque giacché non dipende dalla disponibilità di materie prime: il suo "carburante" si estrae dall'acqua. Fondamentalmente si tratta si tratta di costringere due atomi a fondersi l'uno con l'altro. La reazione produce un nuovo atomo più pesante di elio, l'emissione di una particella e lo sprigionamento di molta energia; non è una novità considerando che si tratta della reazione che avviene nel Sole e nelle altre stelle! Oggi la ricerca sulla fusione si concentra essenzialmente su un progetto principale, l'International Thermonuclear Experimental Reactor o comunemente chiamato ITER. Il progetto, rappresenta il prossimo passo nello sviluppo dell'energia di fusione nucleare. ITER sarà il primo impianto a fusione di dimensioni paragonabili a quelle di una centrale elettrica convenzionale, ed ha il compito di dimostrare la fattibilità scientifica e tecnologica della fusione come fonte di energia. Il progetto dettagliato di ITER è stato messo a punto negli ultimi anni sulla base di un'intensa attività di Ricerca e Sviluppo condotta in numerosi centri di ricerca, università e industrie di tutto il mondo a cui hanno partecipato centinaia di ricercatori e tecnici. Il reattore sperimentale ha l'obiettivo di dimostrare la fattibilità scientifica e tecnologica della fusione nucleare come fonte di energia inesauribile, rispettosa dell'ambiente, sicura ed economicamente competitiva con una potenza prodotta dalla fusione pari a 500MW. Si tratta della maggior impresa scientifica internazionale nel campo delle energie alternative e sarà realizzata nell'arco di 10 anni, presso Cadarache, in Francia, nell'ambito di una collaborazione dell'Unione Europea, Giappone, Federazione Russa, Stati Uniti d'America, Cina e Corea del Sud, con un costo totale di "soli" di circa 5 miliardi di euro.

Autore : Luca Savorani

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum